Cnr, verso l’assunzione di 1.200 precari entro il 2018

Riguardano ricercatori, tecnologi e anche tecnici ed amministrativi attualmente precari. Nel 2019 previste altre 300 assunzioni tramite concorso

Il Cda del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) ha dato il via formale alla procedura che condurrà alla stabilizzazione, entro dicembre, di circa 1.200 tra ricercatori, tecnologi e anche tecnici ed amministrativi attualmente precari.

Il presidente del Cnr, Massimo Inguscio ha provveduto, come riferisce l’ente in una nota, a firmare i bandi di concorso riservati al personale (ricercatori e tecnologi), con contratto di lavoro flessibile, che hanno maturato i requisiti per la stabilizzazione e che il recente aumento del finanziamento ordinario per il Cnr, deciso dal Miur la scorsa primavera, consentirà di incrementare di alcune centinaia di posti. Anche in questo caso le procedure andranno a concludersi entro la fine dell’anno.

“Proseguiremo su questa strada, con le risorse che attendiamo anche per gli anni 2019-2020″, conclude.

La misura infatti prevede due momenti importanti: prima la stabilizzazione dei 1200 entro quest’anno, la seconda un secondo blocco di 300 assunzioni entro il 2019. “con dei concorsi riservati a sostenere le venticinque aree strategiche che abbiamo scelto tenendo conto delle eccellenze della rete scientifica del Cnr”. ha aggiunto Inguscio.

Leggi anche:
Scuola, tutte le assunzioni in arrivo
Il Governo lancia il bonus per le assunzioni a tempo indeterminato
I contratti a tempo determinato dopo il Decreto Dignità

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Cnr, verso l’assunzione di 1.200 precari entro il 2018