Vaccini, le scelte del Governo piacciono ai sindacati

(Teleborsa) – La politica dei vaccini adottata dal Governo riceve il placet dei sindacati. “Il governo sta lavorando nella direzione giusta. Perché è un falso problema quello delle certificazioni e quello delle iscrizioni, considerando che l’eventuale obbligo-ricatto riguarderebbe appena un bambino su quattro della fascia d’età coinvolta” sostiene l’Anief, secondo cui la decisione presa dal Ministro della Salute, Giulia Grillo, di potersi iscrivere da subito anche senza la certificazione, operando in sede parlamentare per l’introduzione di un obbligo di tipo flessibile, “è sicuramente lecita”.

“Il legislatore sta intervenendo nel decreto Milleproroghe, con la trasformazione di un disegno di legge ad hoc che cambierà la normativa: prorogare di un anno l’obbligo è una decisione saggia. I dirigenti scolastici avranno anche le loro ragioni, per via di incombenze e carichi di lavoro impressionanti, ma non sono sceriffi: su questo punto, quindi, farebbero bene ad ascoltare le istruzioni del Miur” ha commentato il Presidente nazionale Anief Marcello Pacifico.

Vaccini, le scelte del Governo piacciono ai sindacati