Chiude il pastificio Agnesi, prodotto l’ultimo chilo di pasta

Il più antico marchio di pasta italiano ha deciso di chiudere lo stabilimento di Imperia

Agnesi, il più antico marchio di pasta italiano, ha prodotto l’ultimo chilogramma di pasta il 13 dicembre 2016, una confezione di “Fusilli 102” per la precisione. Lo stabilimento di Imperia, proprio quello dove è nato tutto, chiude i battenti. Venerdì prossimo sarà l’ultimo giorno di lavoro per i dipendenti che hanno scelto la mobilità, dopo l’annunciata chiusura della storica industria da parte del Gruppo Colussi.

Con il 2016 si chiude così il capitolo lungo quasi 200 anni della Pasta Agnesi. “La parola alla pasta dal 1824. Dopo il terremoto del 1887 che distrusse quasi completamente Oneglia, la famiglia Agnesi costruì un nuovo e moderno mulino e un pastificio a tre piani vicino al porto, gettando così le basi della grande industria futura che si sarebbe affermata in tutto il mondo” si legge sul sito del pastificio.

I lavoratori impiegati nell’azienda sono in tutto un centinaio, una settantina dei quali resterà a casa tra il 16 dicembre, il prossimo 2 gennaio e il mese di marzo del 2017. 15 operai, invece, hanno accettato di trasferirsi a Fossano, dove c’è un altro stabilimento Agnesi.

Con la produzione dell’ultimo chilo di pasta e lo stop definitivo dei macchinari, partono le procedure di pulizia, sorveglianza e messa in sicurezza dei macchinari, un operazione che richiederà qualche mese.

Leggi anche:
Silenzio, chiude Agnesi: Virgilio Forum

Chiude il pastificio Agnesi, prodotto l’ultimo chilo di pas...