Conad-Auchan, 3mila esuberi ma nessun licenziamento per tutto il 2020

Il segretario Sergio Imolesi ha confermato 3 mila esuberi ma ha sottolineato che non ci saranno licenziamenti per quest'anno

“Ad oggi non abbiamo fatto alcun licenziamento e per tutto il 2020 non ne faremo alcuno. Parlo di licenziamenti collettivi”. E’ quanto ha affermato il Segretario generale di ANCD-Conad, Sergio Imolesi, in audizione alla Commissione Attività produttive della Camera sugli sviluppi dell’acquisizione del gruppo Auchan.

Imolesi ha chiarito il numero degli ex addetti Auchan interessati dall’operazione. Su un totale di circa 16.200 dipendenti “avevamo ipotizzato l’organico non sostenibile in circa 6.000” persone.
“Di queste in quattro messi ne abbiamo già sistemate 3.000”, quindi “gli esuberi sono circa 3.000. Abbiamo il 2020 per ridurre progressivamente, speriamo il massimo possibile, questo problema, senza firmare alcun licenziamento”.

Inoltre Conad starebbe pensando a un contributo “di 100 milioni sotto forma di incentivi all’esodo e assegni di ricollocazione”.

Da parte sua, il segretario generale Cgil, Maurizio Landini, ha chiarito di “non avere nessuna intenzione di firmare i licenziamenti. Crediamo sia importante da un lato utilizzare strumenti alternativi ai licenziamenti, dall’altra di chiedere a Conad un impegno per una soluzione occupazionale per le persone coinvolte, disponibili a ragionare su una riorganizzare, ma senza la perdita di competenze”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Conad-Auchan, 3mila esuberi ma nessun licenziamento per tutto il 2020