Guerra Russia-Ucraina, così l’Italia armava Mosca sotto sanzioni

C'è anche e soprattutto l'Italia fra i responsabili dell'armamento russo, anche in regime di sanzioni. I governi Renzi e Berlusconi primi protagonisti.

Oggi la Russia di Putin fa paura, e l’isolamento economico subordinato a pesanti sanzioni economiche ed espulsione dai circuiti finanziari punta a far implodere da dentro il gigante russo, nel momento in cui rappresenta una seria minaccia per tutta l’Europa. Ma c’è stato un tempo in cui, al di là dei rapporti personali fra Putin e i protagonisti della politica europea, fare affari con Mosca era all’ordine del giorno anche sul piano militare. E l’Italia non ne è rimasta fuori, nemmeno quando erano in vigore altre sanzioni.

Registrati per continuare a leggere GRATIS questo contenuto