L’Italia limita i viaggi, Bruxelles chiede spiegazioni

Previsto il tampone molecolare o antigenico ma cambiano le tempistiche e per i non vaccinati c'è anche la quarantena

Roma chiude la porta di casa e Bruxelles bussa. A margine del CdM di ieri, il Ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato una nuova ordinanza che rafforza i controlli e le restrizioni alle frontiere, anche da chi proviene da Paesi europei.

Bruxelles seccata chiede spiegazioni

Immediata la reazione di Bruxelles che chiede spiegazioni sull’introduzione di “condizioni aggiuntive” e precisa che l’imposizione di norme più severe “deve essere giustificata sulla base della situazione reale”. “Queste decisioni individuali degli Stati minano la fiducia delle persone sul fatto che le condizioni siano uguali ovunque in UE”, ha precisato la vicepresidente della Commissione europea Vera Jourova.

Ecco le nuove regole

Le nuove regole, valide dal 16 dicembre sino al 31 gennaio 2022, impongono a chi arrivi da Paesi europei un tampone obbligatorio e, se non vaccinati, anche una quarantena di 5 giorni.

Variano anche le tempistiche e tipologie dei tamponi: per chi arriva dall’Europa sarà sufficiente un tampone molecolare effettuato nelle 48 ore precedenti all’ingresso sul territorio nazionale oppure un tampone antigenico effettuato non oltre 24 ore prima.

Altri Paesi nella lista nera

Inseriti alti paesi nella lista nera, cioè nell’elenco delle destinazioni cui è vietato l’ingresso nel nostro Paese: Malawi, Sudafrica, Lesotho, Botswana, Zimbabwe, Mozambico, Namibia ed Eswatini. L’interdizione è valida sino al 31 gennaio 2022.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

L’Italia limita i viaggi, Bruxelles chiede spiegazioni