Diesel più caro della benzina, il governo pensa di aumentare le accise

Il ministero dell'Ambiente ha promosso una consultazione che potrebbe portare alla cancellazione del divario fiscale che oggi rende il gasolio meno caro della benzina

Una consultazione online promossa dal ministero dell’Ambiente e rivolta a cittadini e imprese potrebbe portare ad aumentare il prezzo del diesel, aumentandone le accise. Alla base di questa scelta, la volontà di una transizione ecologica, con il governo orientato a fare delle proposte normative per la rimodulazione dei sussidi ambientali dannosi (SAD). Tra le varie tematiche, ce n’è appunto una che interessa da vicino gli automobilisti: l’ipotesi di cancellare il divario fiscale che oggi rende il gasolio meno caro della benzina.

L’iniziativa scadrà a fine agosto e le proposte che scatenerà potranno diventare articoli da inserire nella prossima legge di bilancio. Con la conseguente possibilità di destinare ingenti risorse ad attività più ecosostenibili. Restando in tema automobili, per esempio, il governo potrebbe sfruttare il gettito derivante dall’operazione diesel (si stimano fino a 5 miliardi di euro) per incentivare l’acquisto di veicoli elettrici.

Quello che è certo è che l’aumento del prezzo del diesel inciderà sul costo delle merci, che in Italia viaggiano prettamente su gomma. Con l’aumento delle accise, infatti, il gasolio arriverebbe a costare più della benzina verde. Ad oggi il gasolio costa 1,290 euro al litro contro l’1,549 della benzina. Questi i valori comprensivi di accisa: diesel a 888,17 euro per mille litri, benzina a 976,43 euro per mille litri.

Accise diesel, la proposta principale

Una delle sei proposte normative di intervento fa leva sull’aumento progressivo dell’aliquota di accisa del gasolio. L’innalzamento partirebbe dal 1° gennaio 2021 e si concluderebbe il 1° gennaio 2030. Dopo questo lasso di tempo, l’aliquota di accisa sul gasolio per autotrazione sarà uguale a quella attualmente prevista per le benzine (728,4 euro per 1000 litri). Il riallineamento delle aliquote di accisa sui due principali prodotti energetici impiegati come carburanti (benzina e gasolio) abolirà, a regime, l’attuale differenza di tassazione che non trova più alcuna giustificazione.

Accise diesel, eccezione per il gasolio commerciale

Dovrebbe invece rimanere fuori dall’aumento delle accise il gasolio commerciale usato dalle aziende di autotrasporto merci (che utilizzano veicoli di massa superiore a 7.5 tonnellate) e trasporto regolare di passeggeri: sarebbe infatti sottoposto a una specifica ed indipendente aliquota di accisa. Nulla comunque è ancora deciso. Al momento si tratta di una proposta in fase di studio da parte del ministero dell’Ambiente. Dopo aver aumentato gli incentivi dell’ecobonus auto per l’acquisto di nuovi veicoli a basso impatto ambientale, adesso il governo potrebbe disincentivare l’acquisto e il possesso di un’automobile diesel o benzina.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Diesel più caro della benzina, il governo pensa di aumentare le accis...