Outlet e saldi: quanto e come si risparmia davvero?

Sconti outlet e saldi di stagione: come fare a risparmiare davvero e scegliere i prezzi migliori

Gli sconti outlet uniti ai saldi di stagione dovrebbero ingolosire e non poco i consumatori. Secondo i dati di Federconsumatori, però, soltanto il 39% delle famiglie italiane sfrutterà i saldi invernali, per tutte le regioni iniziati il 5 Gennaio. La spesa media? Circa 180 € a testa, di poco superiore, +0,3%, rispetto al 2016.

Come funzionano gli outlet e quanto si può risparmiare davvero con sconti e saldi?

Outlet: cittadelle dallo shopping facile?

Gli outlet, nascono inizialmente come spacci dove vendere le merci delle collezioni rimaste invendute o articoli difettati, ma a metà degli anni ’90-inizio 2000 comincia a diffondersi un tipo diverso di outlet: la nuova concezione prevede aeree molto vaste che richiamano l’idea di vere e proprie cittadelle, con servizi igienici e punti di ristorazione. Le nascenti Factory Outlet Village si appropriano di spazi periferici e strategicamente posizionate vicino alle autostrade, in modo da agevolare il raggiungimento in macchina: un ampio e comodo parcheggio completa il quadro.

Come è meglio procedere per un acquisto ponderato e diligente? Secondo un’indagine di Altroconsumo del 2011, gli outlet sarebbero cittadelle dallo shopping facile, dove il consumatore è portato a spendere cifre superiori alla norma, 276 € in media, di cui oltre 100 “inutili” o comunque senza una mira specifica. L’identikit del compratore seriale? Per il 66% tra i 30 e i 40 anni, uomo non esente da questo fascino.

Sconti e saldi: come meglio acquistare negli outlet?

Veniamo agli sconti: negli outlet, più di 400 in Europa, oltre 30 solo in Italia – seconda solo al Regno Unito -, gli sconti sono presenti tutto l’anno e nel periodo dei saldi si può applicare un ulteriore sconto sul prezzo di mercato oltre il 50%, che può arrivare in genere fino al 70%. Per non cadere in eccessiva tentazione e non farlo diventare uno “sport nazionale” parafrasando le parole del giornalista Aldo Cazzullo sull’argomento, è possibile attivare alcune accortezze.

Prima di tutto, ricordarsi che la merce degli outlet è sottoposta a garanzia legale, regolamentata dal Codice del consumo (Dlgs 206/2005, articoli 128-35). Se la merce risulta difettosa si può cambiare entro 60 giorni dall’acquisto: fondamentale conservare lo scontrino. Qui potrebbe arrivare la “prima fregatura”, perché gli outlet non sono sempre a portata di mano e fare un viaggio di ritorno in breve tempo non è spesso possibile. Ecco quindi buone norme da seguire:

  • controllare sempre bene il capo
  • fare acquisti mirati informandosi on line sulla merce che interessa di più
  • per controllare i prezzi ed evitare truffe ci sono app che possono aiutarvi, come Shopstyle e Trovaprezzi
  • calcolare negli acquisti anche i prezzi degli spostamenti e dell’eventuale ristorante e fare il più possibile shopping mirati
  • per evitare di allungare i tempi – e quindi anche i consumi – preferite orari di traffico meno intenso, come pranzo e cena se è prevista l’apertura serale
Outlet e saldi: quanto e come si risparmia davvero?
Outlet e saldi: quanto e come si risparmia davvero?