Come vendere prodotti con i social network

Vendere prodotti con i social network grazie a post, vetrine, sponsorizzazioni

Vendere sui social network i propri prodotti richiede una minima conoscenza di base di comunicazione, uso di vetrine virtuali e sponsorizzazione tramite inserzioni. Ad oggi, Facebook e Instagram sono i più utilizzati, affiancati da Instagram, Pinterest e Twitter, anch’essi migliorati per permettere la vendita on line.

Vendere sui social network: strategie di marketing

Prima di capire come vendere concretamente i propri prodotti sui social network, è necessario avere nozioni di base di social media marketing: le PMI e le grandi aziende, infatti, si avvalgono di figure professionali esperti in social media marketing e social media strategy. Non ci si può improvvisare smm, ma ecco alcune direttive da tenere in considerazione: studiare le tendenze, o trending topic utilizzando Google Trend o gli hashtag più usati su Twitter e Instagram, per capire cosa chiede la rete; conoscere i potenziali clienti e stabilire un target preciso a cui riferirsi; sfruttare il momento giusto, come i periodi festivi; sponsorizzare post con inserzioni; spronare gli utenti con campagne di saldi e coupon, metodo sempre più usati da noti portali e dalle aziende per farsi conoscere con prezzi ridotti al minimo.

Parlando di aziende che se lo possono permettere, c’è chi si avvale degli influencer: a differenza del vecchio concetto di “testimonial”, gli influencer sono social media star – la categoria più inflazionata è quella dei fashion blogger –  con grossi seguiti e numeri altissimi di fan che possono “influenzare”, come dice la parola, il proprio target di riferimento, parlando positivamente di un prodotto usandolo in prima persona.

Social network e vendite: come convertire in vendite on line

Se siete riusciti a fissare il vostro target e i clienti sono pronti a comprare, dovete fare in modo che la possibilità di acquisto sia facile, veloce, immediata. Con Facebook ora è possibile creare vetrine con foto dei propri prodotto, informazioni e prezzo, cliccare e andare direttamente al carrello del sito collegato. Su Instagram è facile creare uno shop on line, essendo un social network basato su immagini, in più si può collegare il profilo Instagram sul marketplace di riferimento, Inselly, a cui verranno indirizzati i clienti. Stesso concetto per Pinterest: postate foto degli articoli con tutte le informazioni e, dopo aver cliccato sul tasto “Compra”, gli acquirenti saranno reindirizzati al Social Shop. Su Twitter è possibile vendere tramite Chirpify, una piattaforma che permette di vendere con un semplice click (vale anche per Facebook).

Infine, bisogna ribadire l’importanza per una PMI di essere presenti sul principale e monopolizzante motore di ricerca del web, ossia Google. Con un account Google My Business si può gestire dallo stesso interfaccia tutte le informazioni sulla propria azienda: Maps, Google Analytics, Google+, YouTube. Anche se Google+ non è un social molto considerato – conta circa un quinto di iscritti attivi rispetto a Facebook – resta una risorse importante per indicizzare maggiormente il proprio sito, personale o aziendale: maggiore è il prestigio sul web, maggiore è la possibilità di scalare le homepage di ricerca e aumentare le vendite.

Come vendere prodotti con i social network
Come vendere prodotti con i social network