Cashback di Natale, dallo Spid all’app Io: quattro mosse indispensabili

Per attivare il cashback bisognerà registrarsi, a partire dall'8 dicembre, sull'app Io mediante Spid o carta di identità elettronica

Dal prossimo 8 dicembre prende il via il cashback di Natale: fino al 31 dicembre 2021, basteranno 10 acquisti con carte di credito, carte di debito, bancomat e Satispay per avere il 10% di rimborsofino a un massimo di 150 euro che saranno accreditati nei primi mesi del 2021. Il rimborso scatterà in automatico.

Ricordiamo che il cashback parte in modo strutturale dal primo gennaio 2021: il “bonus di Natale”, chiamato anche extra cashback, fa parte di un tris di misure a cui l’esecutivo lavora da più di un anno e che potrebbe portare nelle tasche dei consumatori fino a un massimo di 3.450 euro nel 2021 sommando i vari rimborsi (extracashback, 300 euro di cashback e 3000 euro di super cashback).

Per poter attivare il cashback sono necessari degli specifici requisiti. Il sito cashlessitalia.it spiega come accedere a tutti i sistemi premianti dei pagamenti digitali, inclusa la lotteria degli scontrini.

4 mosse per partecipare all’extra cashback di Natale

Per partecipare all’extra cashback di Natale bisogna registrarsi al programma cashback e per farlo occorre fare questi passaggi:

  1. Avere Spid o Carta d’indentità elettronica
    La prima cosa da fare è assicurarsi di avere lo Spid (il Sistema pubblico di identità digitale), che può essere richiesto a uno dei provider sul sito spid.gov.it. In alternativa occorre la Carta d’Identità elettronica (Cie) abbinata al PIN ricevuto al momento del rilascio. La Cie viene rilasciata dal proprio comune di residenza.
  2. Scaricare l’App IO
    Il passo successivo consiste nello scaricare l’app Io, l’applicazione dei servizi pubblici (io.italia.it). È a stessa già utilizzata per i pagamenti con pagoPa e per il bonus vacanze. Dopo aver scaricato e installato l’applicazione su smartphone o tablet, bisogna effettuare l’accesso tramite le credenziali Spid oppure con la Cie abbinata al pin.
    Sulla app sarà possibile controllare i pagamenti fatti, che danno diritto a ricevere il 10% di rimborso.
  3. Abilitare le carte
    A questo punto, a partire dall’8 dicembre, sarà possibile abilitare le carte che verranno utilizzate per i pagamenti. Ai fini dell’abilitazione, andranno indicati gli estremi delle proprie carte o bancomat, ricordandosi di indicare l’Iban del conto corrente sul quale si intende ricevere il rimborso.
  4. Fare dieci operazioni dall’8 al 31 dicembre 2020
    Una volta attivata l’identità digitale, scaricata l’app Io e abilitate le carte, sarà sufficiente effettuare un minimo di operazioni con pagamenti elettronici entro il 31 dicembre per avere diritto al 10% di cashback.

Cashback, cosa cambia da gennaio

Da gennaio il sistema diventerà strutturale. Il rimborso sarà sempre del 10% e per un importo massimo di 300 euro all’anno, cioè fino a 150 euro a semestre. Inoltre i primi 100.000 a totalizzare il maggior numero di transazioni con carte e app avranno 1.500 euro ogni 6 mesi, il cosidetto super cashback.
A differenza del bonus Natale, per il cashback il rimborso scatterà con almeno 50 pagamenti anche se i “tetti” di quanto verrà restituito rimangono fissati a 15 euro per singola operazione e a 150 euro complessivamente.

Il cashback non vale per gli acquisti online

Non varranno gli acquisti online, mentre potranno essere conteggiati la spesa nei supermercati e nei negozi ma anche i pagamenti delle fatture di artigiani e professionisti, idraulico compreso.
Non importa il “valore” dell’operazione, basterà anche un caffè. Il cashback del 10% si fermerà però a 15 euro per ogni acquisto e a 150 euro in totale nel periodo interessato. In pratica se si spendono 250 euro si avranno indietro sempre solo 15 euro. E una volta arrivati al montante di 150 euro i rimborsi non crescono più.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Cashback di Natale, dallo Spid all’app Io: quattro mosse indispe...