Cashback: le spese ammesse e quelle escluse

Beni e servizi tra gli acquisti ammessi, come anche il professionista o il parrucchiere.

Il Cashback inserito nel Piano Italia Cashless e introdotto dalla Legge di Bilancio 2020 offre la possibilità di ottenere un rimborso in denaro in base agli acquisti effettuati con pagamenti elettronici, in negozi fisici.

Il Cashback, come abbiamo approfondito qui, si applica solo agli acquisti fatti tramite dispositivi elettronici all’interno di negozi aderenti, cioè che si siano iscritti al programma.

Le 4 fasi del piano Cashback

Il Cashback si articola in quattro periodi:

  • periodo sperimentale (Extra Cashback di Natale): dall’8 dicembre 2020 al 31 dicembre 2020
  • 1° semestre: dal 1° gennaio 2021 al 30 giugno 2021
  • 2° semestre: dal 1° luglio 2021 al 31 dicembre 2021
  • 3° semestre: dal 1° gennaio 2022 al 30 giugno 2022.

I rimborsi previsti sono di due tipi: oltre a quello percentuale, il cosiddetto Cashback che abbiamo approfondito qui, è anche previsto un secondo rimborso speciale, il cosiddetto Super Cashback.

Al netto dei problemi rilevati per il tilt della piattaforma dell’App IO, il cashback è previsto su diversi tipi di spese. Gli acquisti in negozio ma anche il conto dell’idraulico, del medico e del parrucchiere, un viaggio, i prodotti di un artigiano, una consulenza o un semplice caffè al bar.

Spese ammesse
Sono comprese varie tipologie di acquisti: negozi, bar e ristoranti, supermercati e grande distribuzione, artigiani e professionisti. Come specificano le FAQ sul CashBack di Stato, riportate sul sito io.italia.it: “Sono validi ai fini del Cashback anche i pagamenti relativi a servizi, purché le transazioni siano effettuate con i metodi di pagamento elettronico attivati al Cashback, tramite dispositivi fisici di accettazione, come i POS, forniti da Acquirer Convenzionati che ti permettano di partecipare all’iniziativa. Per questo, prima di eseguire un pagamento verso artigiani e i professionisti, verifica con loro se i sistemi di incasso utilizzati consentano la partecipazione al Cashback”.

Ammesse anche le spese medico-sanitarie detraibili, che invece seguono regole diverse per quanto concerne la lotteria degli scontrini.

Spese escluse
Esclusi gli acquisti online: per partecipare al cashback occorre rivolgersi a negozi fisici o a lavoratori autonomi e professionisti. Dunque non si partecipa con acquisti effettuati su portali online o attività di e-commerce. Escluse anche le operazioni che vengono effettuate con gli sportelli bancomat (ad esempio, le ricariche telefoniche).

Le spese devono riguardare esclusivamente l’ambito privato, non sono ammessi acquisti legati all’esercizio della propria attività imprenditoriale, professionale o artigianale.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Cashback: le spese ammesse e quelle escluse