Fattura Elettronica: la digitalizzazione non spaventa i professionisti

Indagine Aruba-Nielsen: la normativa contribuisce ad ottimizzare la gestione delle fatture

Ha preso il via il 1° luglio l’obbligo della Fatturazione Elettronica tra i forfettari. In linea con quanto stabilito dal Decreto PNRR 2, dal 1° luglio è scattato l’obbligo per i contribuenti che applicano il regime forfettario e che hanno conseguito, nel 2021, ricavi o compensi superiori a 25mila euro; per tutti gli altri, l’obbligo scatterà dal prossimo 1° gennaio 2024.

I liberi professionisti e le ditte individuali che adottano il regime fiscale forfettario, come percepiscono questa nuova introduzione? Ad indagare a riguardo è la nuova indagine Nielsen commissionata da Aruba, il principale cloud provider italiano e leader nei servizi di data center, web hosting, e-mail, PEC e servizi certificati, tra cui la fatturazione elettronica

I più favorevoli alla nuova normativa

Secondo i risultati della survey, la nuova normativa polarizza gli intervistati, e i favorevoli e i contrari arrivano quasi ad equivalersi: il 40% si dice molto o abbastanza favorevole, a fronte di un 36,5% che invece si professa abbastanza o molto contrario. Il restante 23,5% del campione coinvolto si dice indifferente o poco interessato. Interessante il dato che sottolinea come i più favorevoli alla nuova normativa siano i giovani professionisti (18-34 anni), mentre, al contrario, i meno propensi appaiono gli over 55.

Coloro che hanno un atteggiamento favorevole, inoltre, ritengono che i vantaggi della nuova normativa siano legati soprattutto all’ottimizzazione della gestione delle fatture (43%) e al contrasto all’evasione fiscale (40,8%). Tra i benefici da evidenziare seguono l’obiettivo della dematerializzazione dei documenti (32,7%), la riduzione dei tempi (24%), una maggiore sicurezza (22%) e la diminuzione degli errori (21,6%).

Preoccupazione di dover sostenere ulteriori costi

Al di là della percezione complessiva, un professionista su tre si dice preoccupato – invece – principalmente per paura di dover sostenere nuovi costi aggiuntivi (58,2%) e di dover apprendere il funzionamento di processi nuovi e differenti da quelli utilizzati in precedenza e a cui era abituato (42,3%). Ulteriori dubbi nascono in relazione alla necessità di modificare l’attuale processo di gestione delle fatture (41,3%), al rischio di incorrere in sanzioni (26,5%) e a quello di complicare i rapporti con fornitori e clienti (21,5%).

In generale, al di là dell’obbligatorietà, più di un terzo degli intervistati emette già fatture elettroniche e nel 77% dei casi se ne occupa in prima persona. A delegare l’attività ad un commercialista è poco più del 21% del campione preso in esame da Nielsen.

In più, secondo gli intervistati, la velocità di gestione delle fatture è il primo driver di scelta in un servizio di fatturazione elettronica (58,1%) seguito dal supporto tecnico online via chat (33,3%) e da una chiara visione grafica dell’attività (31,5%).

Quante fatture emette in media un forfettario?

Secondo lo studio, circa l’83% dei professionisti coinvolti dalla nuova normativa emette fino a 50 fatture l’anno; il 10,5% fino a 100 e solo il restante 6,5% supera le 100.

“La fatturazione elettronica è oramai parte integrante di un processo di digitalizzazione capace di ridurre i costi amministrativi delle imprese e consentire un risparmio di tempo, spazio e sicurezza di archiviazione”, ha commentato Gabriele Sposato, Direttore Marketing di Aruba.