Quante sono le vittime di usura in Italia

Le statistiche dicono che le vittime di questi reati sono in diminuzione. Ma è davvero così?

Usura, estorsione, pizzo: sono alcuni dei reati più difficili da estirpare dal tessuto della nostra società. Problematiche che si riflettono direttamente sui conti dello Stato e sopratutto sulle vittime che li subiscono.

Una piaga sociale tutt’altro semplice da guarire quella dell’usura e dell’estorsione in Italia. Un fenomeno che cresce subdolamente e miete più vittime di quelle disposte a denunciare tali reati. Per quanto attendibili, infatti, le statistiche su usura ed estorsione sono destinate a non raccontare mai una piena verità.

Non tutti hanno il coraggio e la forza di denunciare i propri aguzzini alle autorità e non sempre, quei pochi, hanno la certezza di un risarcimento.

Il numero delle denunce registrate negli ultimi anni, infatti, è veramente poco significativo rispetto alle dimensioni reali del fenomeno. Dal 1996, anno di emanazione della Legge 108, il calo è stato sistematico e inarrestabile: basti pensare che si è passati dalle 1436 denunce del 1996 alle 408 del 2016. Di contro, recessione e crisi economica hanno fatto crescere il business dell’usura a livelli sempre più preoccupanti,

I numeri dell’usura in Italia

Sono appena 192 le persone che nel 2018 sono state riconosciute dallo Stato come vittime dei reati di estorsione e usura: un dato che mostra un calo rispetto alle 240 del 2017, ma che non deve far pensare ad una regressione del fenomeno.

In realtà, se si guarda il totale delle richieste esaminate sempre nello scorso anno, scopriamo che sono state 2250, ma solo 43 persone sono state riconosciute come vittime di usura, mentre nel 2017 erano 79. I casi di estorsione accertati nel 2018 sono stati 149, contro 161 dell’anno precedente su 709 richieste.

A queste persone è stato assegnato un risarcimento economico di circa 12 milioni 904 mila euro. Nel 2017, invece, il risarcimento complessivo riconosciuto dallo Stato ammontava a 17 milioni 905 mila euro.

Le regioni che hanno ricevuto più risarcimenti

Sicilia e Puglia guidano la classifica delle regioni italiane che hanno ricevuto più risarcimenti per i reati sopra citati. Alla Sicilia sono stati indirizzati più di 4 milioni di euro in risarcimenti, mentre 3 milioni 779 mila euro sono stati quelli destinati alle vittime di usura in Puglia. A seguire, Calabria, Campania, Umbria, Lombardia e Lazio.

Sul totale delle 20 regioni italiane, lo Stato ha riconosciuto risarcimenti per 12 milioni 974 mila euro, di cui 3 milioni e 818 mila euro per reati di usura e 9 milioni e 156 mila euro per estorsione.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Quante sono le vittime di usura in Italia