Il costo della patente di guida dal 2 settembre si è impennato, e crollano le ore di pratica

Aumentano i prezzi delle patenti per i nuovi studenti, "si risparmia sulle ore di pratica"

Il costo della patente sta raggiungendo prezzi mai visti prima, e a risentirne sono gli studenti e le autoscuole.

La delibera della Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha stabilito che le lezioni di guida non faranno parte dell’istruzione, perciò non saranno esenti dall’Iva.

La sentenza, nello specifico, ha portato il 2 settembre scorso alla decisione di applicare l’Iva del 22% sulle patenti di guida da parte dell’Agenzia delle Entrate e con effetto retroattivo. Ciò significa che a pagare l’Iva non saranno solo i neopatentati ma, per legge, anche tutti coloro che hanno conseguito la patente dal 1° gennaio 2015.

È stato un brusco ritorno dalle vacanze in particolar modo per i titolari delle scuole guida, che si troveranno costretti a contattare tutti i clienti che hanno frequentato dal 2015 l’autoscuola per sollecitare il pagamento dell’imposta. Un compito praticamente impossibile, considerando che le patenti conseguite dal 1° gennaio 2015 ad oggi sono più di 3,8 milioni.

Alcuni dei titolari, a tal proposito, stanno valutando l’alternativa di chiudere l’autoscuola, poiché il versamento dell’Iva è a loro carico (essendone i responsabili), e questo metterebbe a dura prova l’attività, fino ad esporli al rischio di fallimento. Solo poche autoscuole potranno permettersi di pagare autonomamente all’erario l’Iva arretrata. Molte le autoscuole che infatti stanno iniziando a protestare con scioperi.

Per far fronte all’oneroso debito con l’erario, intanto, le autoscuole hanno dovuto aumentare il prezzo delle lezioni e delle ore di guida con gli istruttori. A causa di tale aumento, le famiglie hanno scelto di ridurre le ore di pratica sulla strada, mettendo a rischio la sicurezza dei guidatori.

Paolo Colangelo, presidente di Confarca Autoscuole, spiega come “se un corso di scuola guida costava mediamente 380-450 euro, oggi con l’Iva al 22%, che siamo obbligati ad applicare, arriva a costare circa 460-550 euro”. Per tale motivo, continua Colangelo, “per ridurre i costi, si risparmia sulle ore di pratica. Purtroppo, questo aumento si ripercuote sulla sicurezza stradale”.

Conseguire la patente pare che stia diventando un lusso riservato a pochi. Infine, oltre all’aumento dei costi, al calo della sicurezza sulle strade e alle difficoltà riscontrate da molte autoscuole, vi sono anche molte probabilità che il numero di neopatentati cali vertiginosamente nei prossimi mesi.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Il costo della patente di guida dal 2 settembre si è impennato, e cro...