Per quanti anni c’è l’obbligo di conservazione del bollo auto

Come avviene per tutti i pagamenti, l'obbligo di conservazione del bollo auto è di fondamentale importanza per non dover pagare per la seconda volta solo perché non si ha la ricevuta

Ogni pagamento effettuato è una prova importante che bisogna assolutamente conservare con cura, al fine di evitare di dover fare un secondo pagamento perché magari al creditore non risulta pervenuto e perché non si è più in possesso della ricevuta. Per questo è bene attenersi all’obbligo di conservazione. Per il bollo auto, in particolare, viene indicato un periodo di tempo minimo per il quale conservare le prove dell’avvenuto pagamento. Entro certi limiti, infatti, l’ente creditore può richiederne la prova.

Il bollo auto è una tassa il cui pagamento spetta a tutti coloro che hanno un veicolo di proprietà. Per questo motivo, contrariamente a quanto spesso si pensa, non è una tassa sulla circolazione pura e semplice ed anche i veicoli non circolanti sono soggetti a quest’imposta. La prescrizione del bollo auto è triennale. Ultimamente il termine per la conservazione del bollo è stato portato a 3 anni e 4 mesi. Per questo motivo è consigliabile conservare le prove di pagamento per 4 anni. Se, poi, l’importo pagato è stato scaricato fiscalmente, il suddetto periodo si allunga ulteriormente e diventa di 5 anni.

Dato per scontato il periodo minimo per la conservazione, il bollo auto risulta prescritto dopo il 31 Dicembre del quarto anno successivo a quello in cui è stato fatto il pagamento (anche se si è visto che il termine preciso è di 3 anni e 4 mesi). Questo vuol dire che se il bollo è stato pagato, per esempio, il 10 Gennaio 2016, sarà necessario conservarne la ricevuta almeno fino 30 Aprile 2020, anche se è meglio prorogare tale termine fino alla fine di Dicembre dello stesso anno. E’ questo, infatti, il periodo di tempo in cui è concessa all’ente creditore (in questo caso la Regione) la facoltà di richiedere il pagamento.

Naturalmente questo discorso vale esclusivamente per tutti i bolli pagati e per i quali, dunque, si è in possesso della ricevuta di pagamento. Se questo non è avvenuto e la richiesta di provvedere al versamento arriva tramite una cartella esattoriale, il debito va pagato. Per fare opposizione correttamente, bisogna appellarsi entro i tempi indicati in cartella fornendo ogni prova atta a giustificare il mancato pagamento. Questo vale nei casi in cui si è esentati dal versamento della tassa, ovvero il possesso di un’automobile storica, rubata o venduta.

Immagini: Depositphotos

Leggi anche:
Per quanto tempo vanno conservate fatture e documenti vari? La tabella
Conservare i documenti: per quanto?
Per quanti anni c’è l’obbligo di conservazione delle multe?

Bollette di luce, gas e acqua: per quanto bisogna conservarle?
Imu, Tasi e Tari: per quanto tempo conservare le ricevute?

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Per quanti anni c’è l’obbligo di conservazione del bollo ...