Ricette elettroniche rilasciate dai veterinari: il motivo del sovrapprezzo

Arrivano le ricette elettroniche per l'acquisto di farmaci per gli animali domestici, ma compare anche un sovrapprezzo non indifferente

Quando si tratta della salute dei nostri amici animali non si bada a spese, ma il sovrapprezzo legato alle nuove ricette elettroniche sta sollevando alcune domande.

Un passo avanti per la digitalizzazione in Italia: con l’introduzione della fattura elettronica dal 1° gennaio, sono partiti i primi cambiamenti a favore del digitale. Il cartaceo abbandona la sua supremazia per far posto a procedure online, più veloci, più immediate, meno “costose” dal punto di vista dei costi legati alla carta e con uno sguardo attento verso l’ambiente.

E se la fatturazione elettronica ha costituito l’incipit di questa svolta digitale, fra qualche mese dovrebbe entrare in vigore anche lo scontrino elettronico. Su questa tematica tuttavia, Confcommercio ha sollevato alcuni dubbi legati in particolare alle tempistiche necessarie per i commercianti per far fronte a tutte le adempienze. Senza contare che i costi legati all’aggiornamento dei software o all’acquisto di nuovi registratori di cassa richiedono non solo tempo, ma anche spese importanti che ricadono non solo sugli esercenti, ma anche sui professionisti tra cui anche i medici veterinari.

Si tratta di una modalità più immediata che consente di utilizzare questi dati elettronici per la compilazione della dichiarazione dei redditi, ma costituisce anche un valido strumento di controllo per il Fisco.

Il percorso verso la digitalizzazione comprende anche il settore sanitario e dal 16 aprile, alle ricette mediche elettroniche già in vigore, sono andate ad affiancarsi anche quelle rilasciate dai medici veterinari. In questo senso, per acquistare un farmaco per curare il proprio animale domestico, sarà necessario essere in possesso della ricetta elettronica rilasciata dal medico una volta che quest’ultimo avrà compilato le circa 5 pagine sul web finalizzate all’ottenimento della ricetta.

La ricetta inoltre, sarà accompagnata da un pin che verrà preventivamente comunicato al proprietario dell’animale in cura. Tramite il pin è possibile accedere al portale ricettaveterinariaelettronica.it e visionare il prospetto riassuntivo della ricetta stessa.

Sovrapprezzo della ricetta elettronica rilasciata dai veterinari: il motivo

Sono già spuntate ricette elettroniche che riportano un sovrapprezzo di 10€ e il motivo è legato a tutto il lavoro di compilazione ed emissione della ricetta stessa svolto da parte del medico, che come abbiamo visto più sopra è molto lunga. La procedura va effettuata online e per ogni singolo farmaco e questo comporta un duplice costo per il proprietario dell’animale domestico.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Ricette elettroniche rilasciate dai veterinari: il motivo del sov...