Imu e Tasi 2018: a giugno la prima scadenza

Le regole da rispettare su scadenze e pagamento di Imu e Tasi 2018

L’IMU 2018 è l’imposta municipale unica il cui presupposto di applicazione è il possesso dell’immobile. Si paga sulla seconda casa e immobili commerciali, terreni e negozi, mentre non si applica sulle abitazioni principali e relative pertinenze, ad eccezione delle prime case se accatastate come A/1, A/8 e A/9, che fruiscono dell’aliquota ridotta e della detrazione di 200 euro.

La TASI 2018 è invece l’imposta che copre i costi per i servizi comunali rivolti alla collettività, come la manutenzione delle strade, giardini e illuminazione. Per gli immobili affittati con specifico contratto di locazione registrato a norma di legge, la Tasi non è più dovuta dal locatario, ossia, ma diventa a carico del proprietario. Stessa esenzione, anche per gli immobili dati in comodato d’uso ai parenti di primo grado con ISEE inferiore a 15.000 euro.

Scadenze
Il prospetto delle scadenze è il seguente:

  • Primo acconto o rata unica TASI e IMU: al 18 giugno 2018
  • Secondo acconto e conguaglio TASI e IMU al 17 dicembre 2018.

Il contribuente che decide di pagare la tassa in due rate, dovrà versare con l’acconto di giugno, il 50% del tributo dovuto, con il saldo di dicembre, invece, il restante 50% con l’eventuale conguaglio sulle aliquote 2017 fissate dal comune.

Leggi anche:
Rottamazione cartelle: le prossime scadenze
Speciale: 730/2018 e dichiarazione dei redditi

Imu e Tasi 2018: a giugno la prima scadenza