Pensione scuola, per le domande c’è tempo fino al 10 gennaio 2020

È stata prorogata dal 30 dicembre al 10 gennaio 2020 la scadenza che docenti, personale educativo e personale ATA dovranno rispettare per presentare domanda di pensione

È stata prorogata dal 30 dicembre al 10 gennaio 2020 la scadenza che docenti, personale educativo e personale ATA (Amministrativo, Tecnico e Ausiliario) dovranno rispettare per presentare domanda di pensione a partire dal 1° settembre 2020.
Hanno più tempo, invece, i dirigenti scolastici: la scadenza per loro è fissata per il 28 febbraio 2020.

La richiesta era stata avanzata dai Sindacati che avevano ritenuto troppo vicina la scadenza del 30 dicembre e pochi i giorni a disposizione del personale interessato per inoltrare l’istanza.

Domanda pensione scuola 2020: la circolare

Le istruzioni da seguire per il pensionamento a partire dal 1° settembre 2020 sono tutte contenute nella circolare MIUR dell’11 dicembre 2019, un documento che ha messo ordine sulle ultime date utili per chi opera all’interno della scuola e intende presentare domanda di pensione. Si ricorda che la scadenza del 10 gennaio 2020 è valida non solo per la richiesta di cessazione dal servizio ma anche per la richiesta di trattenimento in servizio (sempre entro la stessa data è possibile revocare domanda presentate in precedenza).

Domanda pensione scuola 2020: come fare

Per presentare domanda di pensione 2020, il personale scolastico deve seguire le indicazioni del MIUR:

  • i Dirigenti Scolastici, il personale docente, educativo ed ATA di ruolo, compresi gli insegnanti di religione devono utilizzare esclusivamente la procedura web Polis “istanze on line”, relativa alle domande di cessazione;
  • il personale delle province di Trento, Bolzano ed Aosta, deve presentare la richiesta sempre in formato cartaceo direttamente alla sede scolastica di servizio/titolarità, che provvederà ad inoltrarle ai competenti Uffici territoriali

Quest’ultima modalità è ammessa anche per il personale in servizio all’estero.

Nella circolare viene specificato che “le domande di trattenimento in servizio ai sensi dell’articolo 1, comma 257, della legge 28 dicembre 2015, n. 208 modificato dall’art. 1 comma 630 della legge 27.12. 2017 n. 205, ovvero per raggiungere il minimo contributivo continuano ad essere presentate in forma cartacea entro il termine del 30 dicembre 2019”. Anche questo termine è slittato al 10 gennaio 2020.

Dopo aver presentato domanda, l’Inps procede all’accertamento del diritto al trattamento pensionistico sulla base dei dati presenti sul conto assicurativo individuale e della tipologia di pensione indicata nelle istanze domande. Il riscontro da parte del MIUR al personale scolastico arriva entro il 29 maggio 2020.

Oltre alla richiesta di cessazione dal servizio tramite Polis, il personale deve inviare direttamente all’Inps la domanda di pensione, online accedendo al portale Inps; tramite Contact Center Integrato (n. 803164); presentando telematicamente la domanda attraverso l’assistenza gratuita del Patronato.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Pensione scuola, per le domande c’è tempo fino al 10 gennaio 20...