Bonus verde, c’è la proroga al 2020 della detrazione del 36%

Prorogata nel 2020 la detrazione fiscale per chi vuole sistemare o ristrutturare il verde privato

Un emendamento del governo proroga a tutto il 2020 il bonus verde, la detrazione al 36%, fino a un tetto di spesa di 5mila euro, per la sistemazione, ristrutturazione e irrigazione del verde privato.

Lo ha annunciato la Ministra delle Politiche agricole Teresa Bellanova: “Il bonus verde ci sarà. Era impensabile per me pensare a una manovra green senza il bonus verde”, ha detto Bellanova. “Abbiamo fatto uno sforzo come Ministero e con nostre risorse – ha precisato – abbiamo garantito la proroga della misura. Anche così potremo lavorare sulla crisi climatica e rendere le nostre città più verdi e più inclusive. E per questo i Piani del verde dovrebbero divenire una priorità nelle progettazioni urbanistiche territoriali”.

Bonus verde, cos’è e come funziona

Il “bonus verde” è stato introdotto nella Legge di Bilancio 2018 e prevede una detrazione del 36% sulle spese sostenute per la realizzazione di coperture a verde e giardini pensili, impianti di irrigazione e pozzi, e per la sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici, unità immobiliari, pertinenze e recinzioni. Compresi, quindi, la realizzazione di fioriere fisse e l’allestimento a verde permanente di balconi e terrazzi. Il bonus va ripartito in dieci quote annuali e calcolato su un importo massimo di 5mila euro per unità immobiliare. Il pagamento delle spese deve avvenire attraverso strumenti che consentono la tracciabilità delle operazioni (mediante bonifico bancario o postale).

Le spese devono essere sostenute per la “sistemazione a verde” di aree scoperte private di edifici esistenti, comprese le pertinenze, recinzioni, impianti di irrigazione, realizzazione di pozzi, coperture a verde e giardini pensili.
Non rientrano nel bonus la manutenzione ordinaria periodica di giardini preesistenti non connessa a un intervento innovativo o modificativo e i lavori in economia.

I beneficiari del bonus sono i contribuenti che possiedono o detengono l’immobile oggetto degli interventi e i familiari conviventi (purché sostengano effettivamente la spese e siano ad essi intestati i relativi documenti giustificativi).

Le altre agevolazioni fiscali per la casa

Il bonus verde era rimasta l’unica fra le agevolazioni sulla casa a fermarsi a fine 2019: sono stati già prorogati gli altri incentivi per l’edilizia, dalla detrazione ristrutturazioni, all’eco bonus, fino al bonus mobili. Ricordiamo che tra le novità, è stato introdotto il nuovo bonus facciate al 90%, detrazione finalizzata a incentivare il recupero o restauro delle facciate degli edifici. Secondo le dichiarazioni del Ministro Franceschini avrà una durata limitata. Nelle intenzioni del governo dovrebbe essere una detrazione “spot”, esclusivamente dal 1° gennaio al 31 dicembre prossimi.

 

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Bonus verde, c’è la proroga al 2020 della detrazione del 3...