Nuovi bollettini rinnovo patente: dove si trovano e come si pagano

Basta Motorizzazione civile: tutto il complesso di pagamenti e gestione delle pratiche sta migrando verso il sistema Pago PA. Ecco cosa c’è da sapere

Come da prassi, per il rinnovo patente serve compilare due bollettini postali al fine di effettuare i necessari versamenti alla Motorizzazione e al Dipartimento dei Trasporti Terrestri. Questo però era valido fino a poco tempo fa, perché dallo scorso febbraio non è più possibile effettuare i pagamenti alla Motorizzazione con i comuni fogli postali ma occorre usare il bollettino PagoPA. Ecco una spiegazione completa su dove si trovano e come si compilano i nuovi bollettini PagoPA per il rinnovo della patente.

Patente, niente più Motorizzazione: cosa cambia e dove trovare i nuovi bollettini

Per concludere la pratica di rinnovo della patente (in particolare per la categoria B, ma la procedura è valida per tutti i tipi di patente) occorre presentare, insieme alla documentazione richiesta, la ricevuta che attesti l’avvenuto pagamento delle quote dovute. Come detto, in seguito alla graduale migrazione sulla piattaforma PagoPA di tutte le operazioni di pagamento delle pratiche di Motorizzazione, a partire dal 14 febbraio 2022 occorre effettuare il versamento esclusivamente con bollettini PagoPA e in particolare:

  • bollettino PagoPA cosiddetto tariffa 2S per il classico rinnovo della patente e per richiederne un duplicato (esclusa la Regione Sicilia) per un totale di 26,20 euro di spesa per il cittadino
  • bollettino PagoPA cosiddetto tariffa 2T per il classico rinnovo della patente e per richiederne un duplicato all’interno della Regione Sicilia (il costo varia addirittura da provincia a provincia)

Importante: nella fase di transizione, sebbene dal 14 febbraio 2022 non sia più possibile effettuare il pagamento con bollettino postale, i bollettini pagati fino al 13 febbraio 2022 possono essere comunque utilizzati sino al 31 marzo 2022.

Ma dove si trovano i bollettini PagoPA? Con la nuova procedura, per pagare gli importi previsti per le pratiche di motorizzazione tramite il sistema online, è necessario accedere all’area riservata del Portale dell’automobilista (per smartphone e tablet, la corrispondente applicazione porta il nome di IPatente) tramite identità digitale Spid o Carta di identità elettronica.

Per non perderti le ultime notizie e ricevere i nostri migliori contenuti, iscriviti gratuitamente al canale Telegram di QuiFinanza: basta cliccare qui.

Patente, come fare per effettuare il pagamento

Una volta entrati all’interno del Portale dell’Automobilista, bisogna selezionare le voci di menù Accesso ai servizi e poi Pagamento pratiche online PagoPA, scegliendo la tariffa 2S (2T per i residenti in Sicilia). Il pagamento dei bollettini PagoPA si può effettuare direttamente sul Portale dell’Automobilista con carta di credito o con altri strumenti di pagamento elettronico accettati dalla pubblica amministrazione.

In alternativa, ma decisamente meno comodo, si può scegliere di stampare l’avviso di pagamento ed eseguire il versamento presso gli uffici postali, gli esercenti convenzionati pagoPA (bar, edicole, farmacie, ricevitorie, supermercati e tabaccherie che espongono il logo), i punti di posta privata e gli sportelli bancari. I bollettini PagoPA si possono pagare anche tramite home banking, sull’app Io e su altre piattaforme di pagamento dedicate.

Attenzione: a prescindere dalla modalità di pagamento scelta, dopo il versamento occorre sempre stampare la ricevuta di pagamento che deve essere presentata all’ufficio della Motorizzazione civile insieme agli altri documenti previsti dalla pratica di rinnovo patente. Il versamento è valido solo se il codice fiscale del pagatore (informazione che deve essere indicata all’atto del pagamento) corrisponde al codice fiscale dell’intestatario della patente.