Esame di maturità: come si calcola il voto

Scopriamo come si calcola il voto finale dell'Esame di Maturità. Tra crediti, prove scritte, colloqui orali e punti bonus

L’Esame di Maturità è entrato nel vivo anche quest’anno, impegnando studenti e commissioni, ma come viene calcolato il voto finale? Scopriamo come funziona.

Il voto dell’Esame di Maturità si ottiene sommando le valutazioni conseguite nelle prove ai crediti ottenuti negli ultimi tre anni di scuola superiore. Il voto minimo raggiungibile è 60/100 e corrisponde alla sufficienza, mentre il voto più alto è 100 e lode. Per fare quindi il calcolo, è necessario sapere quanti crediti formativi si sono ottenuti nel triennio: essi posso passare da un minimo di 10 ad un massimo di 25 punti. 

Le prove che compongono l’Esame di Maturità si dividono in tre prove scritte e una prova orale: le tre prove variano da un minimo di 0 ad un massimo di 15 punti e la sufficienza corrisponde a 10 punti. Il massimo punteggio che è possibile ottenere dalle prove scritte è quindi 45 punti. Il colloquio orale invece può valere un massimo di 30 punti e la sufficienza corrisponde a 20. I voti delle tre prove scritte sono quindi espressi in quindicesimi, mentre quello della prova orale è espresso in trentesimi.

Per calcolare il voto finale dell’Esame, si considerano anche dei punti bonus, che variano da 1 a 5 e che la commissione può assegnare al termine del colloquio orale, ad alcuni studenti per alzarne il punteggio finale. Per poter accedere ai punti bonus, è necessario essere ammessi all’esame di Stato con almeno 15 crediti e aver fatto almeno 70 punti alle prove scritte e orali della Maturità. I punti bonus vengono assegnati a discrezione della commissione agli studenti meritevoli.

La lode infine è riservata come premio agli studenti che sono arrivati agli esami con 25 punti di credito, che hanno ottenuto 45 punti alle prove scritte e 30 punti all’orale senza il bonus e che hanno ottenuto 8 in tutte le materie e in condotta negli scrutini della terza, quarta e quinta superiore. Per ottenere la lode, è necessario quindi aver avuto una media del 9 durante il triennio.

Gli studenti che hanno ottenuto 100 e lode come voto di Maturità possono avere benefici dalla votazione: il Miur riconosce loro un premio in denaro, pari a 450 euro ciascuno. In più coloro che sono riusciti a ottenere il 100 e lode possono richiedere l’iscrizione all’Albo delle Eccellenze del Ministero dell’Istruzione, al quale possono attingere università e aziende per selezionare menti brillanti.

Esame di maturità: come si calcola il voto