Vaccino Johnson&Johnson sospeso in Usa: casi di trombosi

Gli Stati Uniti chiedono una sospensione sul vaccino Johnson&Johnson dopo alcuni casi di coagulazione.

Ne avevamo parlato alcuni giorni fa, quando l’Ema (l’Agenzia europea del farmaco) aveva voluto approfondire i possibili casi di reazioni avverse del vaccino anti-Covid AstraZeneca per poi ricalibrare la somministrazione consigliandone l’utilizzo a seconda delle fasce d’età. A rischio, si prevedeva, potrebbe esserci anche il vaccino americano Johnson&Johnson, proprio per le similitudini con quello anglo-svedese.

Lo stop

La notizia è che gli Stati Uniti chiedono una sospensione sul vaccino Johnson&Johnson dopo alcuni casi di coagulazione. Lo riporta il New York Times sottolineando che la Food and Drug Administration e i Centers for Disease Control smetteranno di usare il vaccino nei siti federali e solleciteranno gli Stati a fare lo stesso in attesa delle indagini sui problemi di sicurezza.

La sospensione è legata a sei casi negli Stati Uniti che hanno sviluppato una malattia rara che coinvolge coaguli di sangue nelle due settimane successive alla vaccinazione. Reazioni avverse con fenemeni di trombosi, come per AstraZeneca, per 6 donne sotto i 50 anni su 7 milioni di persone vaccinate.

Perché rischia anche J&J?

Gli esperti dell’Ema ancora non hanno ancora chiarito l’origine dei pur rarissimi casi di attacco alle piastrine del sangue dopo l’inoculazione di AstraZeneca, ma starebbero iniziando a sospettare che la causa possa essere proprio nel vettore, l’adenovirus che trasporta la proteina spike, che a sua volta genererebbe la risposta immunitaria. Medesimo meccanismo, è adottato dal vaccino targato Johnson&Johnson (anche se con adenovirus umani e non dello scimpanzè) e da quello tutto Made in Italy di Reithera ancora in fase sperimentale.

Meccanismo che, in attesa diriscontri certi, potrebbe essere alla base delle reazioni avverse registrate anche sul vaccino J&J.

Ora l’Europa potrebbe richiamare J&J

Detto della sospensione in America, l’Ema sta ora vagliando la possibilità di richiamare i lotto di vaccino J&J già spediti nei vari paesi eurpei, Italia compresa. Col rischio di un nuovo stop per la campagna vaccinale già a singhiozzo.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Vaccino Johnson&Johnson sospeso in Usa: casi di trombosi