Serie A, ecco quanto guadagna chi vince lo Scudetto (e gli altri)

Tutte le cifre incassate dalle squadre in base al loro posizionamento: ecco la classifica tra prime classificate, accessi alle coppe e il famoso “paracadute”

Oltre al grande prestigio che ne consegue e all’immensa gioia per i tifosi, vincere il campionato di Serie A vale svariati milioni di euro. E anche per le squadre che si collocano dal secondo posto in giù, una sola posizione di differenza può significare un divario di entrate notevole nei bilanci di fine stagione (quelli della Juventus sono finiti ultimamente nel mirino della Guardia di Finanza).

Sollevare al cielo lo Scudetto è il grande obiettivo di tutti i top club del massimo campionato: ma oltre alla coppa da sfoggiare in bacheca, c’è molto di più dietro all’ambizione dei presidenti e delle loro società. Di fatto vincere il trofeo fa guadagnare anche diversi milioni, oltre agli ulteriori introiti legati alla visibilità internazionale e al merchandising.

Ma volendo rimanere ai soli premi messi in palio dalla Lega (presieduta dall’imprenditore e manager Paolo Dal Pino), quanto guadagnano le singole squadre al termine del campionato in base al loro piazzamento in classifica?

Premi alti per le prime grazie anche alla Uefa

Tra Scudetto e qualificazione alla Champions League dell’anno successivo, i Campioni d’Italia riscuotono una vincita equivalente a 33,4 milioni di euro. La seconda in classifica non va molto lontano: 26,6 milioni di euro, di cui 19,4 milioni relativamente al posizionamento in Serie A e 7,5 milioni per la partecipazione al massimo torneo europeo.

Più in basso la terza classificata: sono 16,8 i milioni che incassa dalla Lega Serie A e 5 dalla Uefa, con 21,8 milioni di euro totali utili a costruire l’annata successiva. Non è male nemmeno il quarto posto: qui troviamo la prima quota che si attesta sotto i venti milioni complessivi (16,7), formati dai 2,5 delle istituzioni europee e dai 14,2 del torneo italiano.

Ottengono più di dieci milioni di euro dalla stagione precedente anche le squadre che volano in Europa League, ossia quelle posizionatesi dal quinto al sesto posto (rispettivamente 12,5 e 10,9 milion di euro). In virtù del loro piazzamento, queste squadre partecipano alla fase a gironi e ottengono dall’Uefa 3,63 milioni di euro ciascuna: arrivare in tale posizione in campionato comporta dunque un guadagno complessivo che sale rispettivamente a 16 e 14,5 milioni di euro.

La classifica e il famoso “paracadute”

La settima di Serie A, che di fatto partecipa alla Conference League, è la prima a scendere sotto quota 10 milioni di euro. Questa la classifica completa dei compensi provenienti dalla Lega:

  • 1 _ 33,4 milioni
  • 2 _ 26,6 milioni
  • 3 _ 16,8 milioni
  • 4 _ 14,2 milio
  • 5 _ 12,5 milioni
  • 6 _ 10,9 milioni
  • 7 _ 9,3 milioni
  • 8 _ 8,3 milioni
  • 9 _ 7,4 milioni
  • 10 _ 6,3 milioni
  • 11 ­­_ 5,5 milioni
  • 12 _ 5 milioni
  • 13 _ 4,6 milioni
  • 14 _ 4,1 milioni
  • 15 _ 3,6 milioni
  • 16 _ 3,2 milioni
  • 17 _ 2,8 milioni

La 18esima classificata della Serie A ottiene 2,2 milioni di euro, la 19esima 1,6 milioni di euro e la ventesima e ultima appena 900mila euro. C’è però da considerare come la Lega aiuti le squadre retrocesse con il famoso paracadute, che può variare a seconda di quante stagioni nel massimo campionato sono state disputate in precedenza.

Il paracadute può essere di 25, 15 o 10 milioni di euro, a seconda rispettivamente di una retrocessione dopo quattro, due o una stagioni in Serie A giocate continuativamente. In pratica, una squadra che arriva 18esima in Serie A, dopo quattro o più stagioni nel massimo campionato, arriva ad ottenere ben 25 milioni di euro, quasi come la seconda classificata (qui i conti di una Serie A a rischio default).

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Serie A, ecco quanto guadagna chi vince lo Scudetto (e gli altri)