Quanto guadagna un tassista

Analisi dei guadagni medi dei tassisti in Italia e dei costi per l'esercizio della professione e per l'acquisto della licenza

La professione del tassista è molto ambita, soprattutto nelle grandi città. La prima domanda che le persone si pongono è quanto si possa guadagnare da questa attività e quali siano i requisiti di accesso alla professione. Entriamo nel dettaglio.

Innanzitutto per svolgere questo lavoro sono necessari alcuni requisiti. Non basta, infatti, avere semplicemente a disposizione una vettura. Colui che desidera fare il tassista deve aver compiuto 21 anni ed essere in possesso della patente di tipo B. Inoltre, deve conseguire alcune particolari certificazioni.

  • Il CAP, il Certificato di Abilitazione Professionale, meglio noto come Carta di Qualificazione del Conducente. Si tratta di un documento che si ottiene dopo aver frequentato un corso e superato un esame. Questo certificato andrà ad aggiungersi alla normale patente di guida;
  • L’iscrizione al ruolo di conducente, in particolare di veicoli adibiti ai servizi pubblici non di linea. Il documento va richiesto presso la Camera di Commercio della Regione in cui si intende svolgere la professione. Anche in questo è necessario superare un test scritto ed orale;
  • La licenza per guidare il taxi. Questo documento si può richiedere iscrivendosi ad un bando di concorso emanato da parte di un comune della propria regione. Dopo essere stati inseriti in una graduatoria, si può ottenerlo.

Un altro requisito da non sottovalutare è quello di possedere la residenza entro al massimo 50 km dalla località in cui si desidera guidare il taxi.

Per quanto riguarda il guadagno, è risaputo che la professione del tassista sia molto redditizia. Tuttavia, per ottenere guadagni dignitosi, è necessario saper ottimizzare i tempi ed organizzarsi al meglio. È stato calcolato che un tassista, con una tabella di marcia rigorosa e puntuale, può arrivare a guadagnare circa 2000-3000 euro al mese. In alcuni casi può addirittura superare i 4000 mila euro.

Proviamo a fare un esempio pratico per capire quale possa essere uno stipendio mensile di un tassista. Se il conducente lavora circa 8 ore al giorno per 24 giorni al mese servendo un totale di 10 clienti ogni giorno, i quali percorrono in media 15 km (ad 1,10 a km), il guadagno giornaliero ammonta a 165 euro. Moltiplicando lo stipendio giornaliero per 24 giorni di lavoro, si può arrivare ad un guadagno mensile di 3960 euro.

Tuttavia è bene ricordare che a questo stipendio lordo vanno detratte alcune spese, tra cui la benzina, la manutenzione dell’auto e l’assicurazione: mensilmente queste spese ammontano a circa 700/800 euro. Non meno importanti sono le eventuali rate della vettura e del mutuo per ottenere la licenza, che in alcuni casi possono essere piuttosto elevate.

Basti pensare che a Milano e a Roma per ottenere la licenza di tassista sono necessari circa 160 mila euro. A Firenze, la somma può raddoppiarsi ed arrivare a 300 mila euro.

Comunque sia, se si pensa al lungo termine, più che un costo diventa davvero un ottimo investimento.

Quanto guadagna un tassista