Bonus matrimonio 2022: chi può richiederlo e come fare

Sono stati sbloccati i 60 milioni di euro destinati a chi ha subito ingenti perdite a causa del Covid, per le cerimonie rinviate o annullate

Si è parlato molto negli ultimi tempi del bonus sposi destinato alle coppie desiderose di coronare il proprio sogno d’amore dopo i continui rinvii dovuti alla pandemia di Covid e alle conseguenti chiusure, che hanno bloccato tanti matrimoni e fatto sfumare la possibilità di festeggiare con la famiglia e gli amici quello che è considerato tradizionalmente il giorno più importante della vita insieme.

Bonus matrimonio 2022, stanziato un fondo da 60 milioni di euro: a chi vanno

Lo scorso anno il Governo ha stanziato per il 2022, con il decreto Sostegni bis, ben 60 milioni di euro a fondo perduto, che non sono però destinati direttamente alle coppie. Attraverso un apposito decreto del Ministero dello Sviluppo economico e del Ministero dell’Economia e delle Finanze, il contributo è finalmente stato sbloccato.

Il documento, è stato inviato alla Corte dei Conti per essere registrato ed è attesa la sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. La ripartizione dei fondi sarà la seguente, come comunicato dallo stesso Mise in una nota.

  • 40 milioni di euro sono destinati al settore del wedding.
  • 10 milioni di euro sono destinati al settore, diverso da quello del wedding, dell’intrattenimento, dell’organizzazione di feste e di cerimonie.
  • 10 milioni di euro sono destinati a settore Ho.Re.Ca, ovvero hotellerie, restaurant e catering.

Non si tratta dunque di un bonus matrimonio puro, ma riguarda tutti gli operatori dell’organizzazione eventi.

Bonus matrimonio 2022, stanziato un fondo da 60 milioni: come richiederlo

Potranno richiedere il contributo a fondo perduto tutte le imprese di questi tre settori che nel 2020 hanno subito una riduzione del fatturato uguale o superiore al 30% rispetto a quello del 2019.

Le imprese interessate potranno presentare la domanda direttamente all’Agenzia delle Entrate, anche se ancora non sono note le modalità e le scadenze, che dovranno essere stabilite con un nuovo provvedimento. Le istruzioni, come di consueto, saranno pubblicate anche sul sito dell’agenzia.

Per ora si sa solo che i contributi saranno accreditati direttamente sul conto corrente indicato da chi richiede il bonus matrimoni.

Bonus matrimonio 2022, stanziato un fondo da 60 milioni: cosa ha detto il ministro

Il ministro Giancarlo Giorgetti, numero uno del Mise, ha fatto sapere che il bonus matrimoni ed eventi previsto per il 2022 è un “dovero provvedimento di sostegno” per tutte quelle imprese che sono state tra le più penalizzate durante l’emergenza Covid.

Per il ministro è necessario sostenere in particolare i settori del wedding, degli eventi e l’Ho.Re.Ca perché negli anni hanno visto crescere nuove professionalità, con un aumento dell’occupazione tra le donne e i giovani, con un forte e positivo impatto sull’economia del territorio.

Bonus matrimonio 2022: che fine ha fatto il bonus sposi per sostenere le spese

Come già detto, dunque, il nuovo bonus matrimonio 2022 andrà a sostenere esclusivamente le imprese. Non ci sono invece buone notizie per i futuri sposi. Non è passato infatti il provvedimento che prevedeva una detrazione fiscale per le spese sostenute per il matrimonio.

Non ci sarà dunque il bonus del 25% su un tetto massimo di 25 mila euro, da recuperare in cinque quote annuali, che avrebbe permesso di coprire parte dei costi per gli abiti da cerimonia, acconciatura e trucco, servizio catering e ristorazione, affitto dei locali della cerimonia e del banchetto, addobbi floreali, servizio fotografico e wedding planner. Vi avevamo parlato del bonus sposi qua.

In attesa del decreto ter, qua tutte le misure approvato con il dl Sostegni bis. Abbiamo spiegato nel nostro approfondimento, in questo articolo, tutto quello che cambia con i nuovi sostegni nel 2022.