Quota associativa Inps per i pensionati, cos’è e come fare la revoca

Quando ci si iscrive a un sindacato, per inoltrare richieste di prestazioni all'INPS, come la pensione, può scattare l’applicazione di una quota associativa. Ecco come eliminarla

Forse non tutti sanno che quando ci si iscrive a un sindacato, per inoltrare richieste di prestazioni all’INPS, come la pensione, può scattare l’applicazione di una quota associativa che viene trattenuta direttamente sul trattamento pensionistico stesso, salvo diversa richiesta esplicita del diretto interessato.

“I titolari di pensione diretta, indiretta o di reversibilità dell’assicurazione generale obbligatoria INPS per le pensioni ai lavoratori dipendenti o di altro fondo o gestione speciale o cassa per le pensioni sostitutive ed esonerative – dice la legge – hanno diritto a versare i contributi sindacali alle federazioni pensionati a carattere nazionale aderenti alle confederazioni sindacali rappresentate nel CNEL attraverso trattenuta sulla pensione, da autorizzarsi con delega personale volontaria sottoscritta dallo stesso titolare di pensione”.

Quota associativa Inps o trattenuta sindacale: cos’è e chi la versa

Il decreto-legge 28 gennaio 2019 ha però previsto per gli enti erogatori di trattamenti pensionistici l’obbligo di fornire a tutti i soggetti percettori di trattamenti una precisa e puntuale informazione relativa alle eventuali trattenute operate sulle quote associative sindacali.

Dal 2020 vige l’obbligo a carico degli enti erogatori di rendere disponibile una comunicazione di dettaglio, dalla quale risultino denominazione dell’organizzazione sindacale di iscrizione, decorrenza della trattenuta sindacale ed importo, a favore:

  • dei nuovi titolari di trattamenti pensionistici;
  • dei soggetti già pensionati in caso di attivazione o di variazione della trattenuta sindacale.

Attualmente le trattenute sindacali vengono acquisite attraverso queste due modalità:

  • per le pensioni da liquidare, tramite presentazione della delega contestualmente alla domanda di pensione;
  • per le pensioni vigenti, tramite trasmissione telematica della delega inviata direttamente dalle organizzazioni sindacali all’Inps.

Dove e come vedere se si sta pagando la quota associativa

Le comunicazioni sono inviate:

  • esclusivamente in via telematica ai pensionati in possesso di PIN personale;
  • a mezzo posta ai pensionati non ancora in possesso di PIN personale.

La modalità prioritaria di informazione delle quote associative sindacali per la pensione è quella telematica. Questo sia nella fase di liquidazione del provvedimento di pensione sia in quella di erogazione della pensione stessa, e nello specifico:

  • nel provvedimento di liquidazione della pensione;
  • nei cedolini mensili;
  • nella certificazione annuale della pensione.

Nella sezione “My Inps”, alla voce “Gestione deleghe sindacali su trattamenti pensionistici”, il cittadino:

  • viene informato della presenza/assenza di trattenute sindacali;
  • in caso vi siano trattenute sindacali applicate sulla pensione, può procedere autonomamente alla revoca.

Infine, a prescindere dal momento in cui la delega sindacale viene acquisita, il pensionato viene regolarmente informato della presenza della trattenuta associativa sindacale attraverso:

  • la certificazione annuale di pensione (cosiddetto OBIS/M), dove vengono esposti la sigla dell’organizzazione sindacale e l’importo mensile della trattenuta che sarà applicata sui ratei mensili di pensione nel corso dell’anno
  • il cedolino mensile del rateo di pensione posto in pagamento.

Se la delega sindacale viene richiesta assieme alla domanda di pensione inoltrata all’Inps, l’informazione relativa all’applicazione della trattenuta viene rappresentata nel provvedimento di liquidazione della pensione.

Se la delega viene trasmessa direttamente per via telematica dall’organizzazione sindacale per essere applicata su una pensione, il percettore viene informato con una e-mail inviata in automatico alla casella di posta elettronica, associata al suo PIN, registrata nella sezione anagrafica del data base. Il pensionato viene anche informato della facoltà di consultare sul sito http://www.inps.it la procedura “Gestione deleghe sindacali su trattamenti pensionistici” al fine di visualizzare il modulo presentato e l’esito dell’operazione.

Revoca della trattenuta sindacale

Come detto, il pensionato può comunicare all’Inps la volontà di revocare la delega per la riscossione della quota associativa, sia direttamente sia attraverso le organizzazioni sindacali.

La comunicazione diretta della revoca può essere effettuata dal pensionato tramite:

  • il servizio on-line: tramite l’apposito servizio “Gestione deleghe sindacali su trattamenti pensionistici”, cliccando su “Revoca Delega esistente” laddove ne risultassero di attive
  • con la presentazione della revoca alla competente struttura territoriale con accesso in sede o mediante invio
  • con posta ordinaria o raccomandata A/R, della revoca stessa unitamente ad un documento d’identità in corso di validità (qui potete scaricare un fac-simile del modulo per la revoca).

Per non perderti le ultime notizie e ricevere i nostri migliori contenuti,
iscriviti gratuitamente al canale Telegram di QuiFinanza: basta cliccare qui.

Cosa si può vedere e fare online sul sito Inps

La funzionalità online consente all’utente di visualizzare la lista di tutte le deleghe associate alle diverse pensioni di cui è titolare e di selezionare la delega che l’utente desidera revocare. Con la procedura online, selezionando la delega di interesse, l’utente può visualizzare queste informazioni:

  • Dati del pensionato
  • Nome
  • Cognome
  • Codice Fiscale
  • Data di nascita
  • Luogo di nascita
  • Provincia
  • Stato
  • Dati di residenza
  • Indirizzo
  • Località
  • Comune
  • CAP
  • Provincia
  • Stato
  • Deleghe sindacali in essere
  • Pensione
  • Sindacato.

Quando scatta la revoca e come verificarla

La revoca decorre solitamente dal mese successivo se la procedura viene eseguita nei primi giorni del mese. L’INPS, ricevuta la richiesta di revoca, interrompe le trattenute in aprile, luglio, ottobre o gennaio per le richieste ricevute fino al 15 del mese precedente (dal 1° aprile, per le disdette ricevute dal 16 dicembre al 15 marzo dell’anno successivo, dal 1° luglio, per le revoche ricevute dal 16 marzo al 15 giugno, e così via).

L’eventuale modifica delle informazioni relative ai dati del pensionato e ai dati di residenza non sono oggetto della procedura, ma possono essere effettuate utilizzando l’apposita funzionalità messa a disposizione nell’area Servizi al Cittadino, accessibile dal portale Inps alla voce “Visualizzazione e modifica dati anagrafici, indirizzo e recapiti”.

Dopo aver verificato tutte le informazioni presenti nella schermata, l’utente può procedere con la revoca della delega cliccando sull’apposito pulsante “Revoca”. Prima di procedere con la revoca definitiva della delega, il sistema riepiloga l’operazione avviata e ne chiede conferma all’utente. L’utente dovrà, quindi, confermare che desidera procedere, cliccando sull’apposito pulsante “Conferma la revoca”.

Se si vuole annullare l’operazione, basta cliccare sull’apposito pulsante “Annulla”. Dopo aver completato correttamente l’operazione, il sistema ne comunica l’esito positivo all’utente. All’interno della stessa schermata, il sistema consente all’utente di visualizzare tutte le attività effettuate, che influiscono sulle trattenute sindacali associate alle pensioni di cui è titolare.

Le informazioni vengono infine ordinate all’interno di una tabella che include questi campi:

  • Data
  • Codice Pensione
  • Sindacato
  • Tipo Operazione.