Truffe del money transfer: ecco come chiedere il risarcimento dal sito Western Union

Truffato dal money transfer? Fino al 19 febbraio è possibile chiedere il risarcimento a Western Union

Inviare soldi con i money transfer, per molti è stata un’opportunità di aiutare – quasi – in tempo reale i propri cari. Per altri, la possibilità di arricchirsi in modo illecito. Ma adesso c’è un modo per correre ai ripari, almeno tramite Western Union.

Il sistema di truffe con i money transfer

Western Union, Globo Express, Money Gram: sono tutte catene internazionali che permettono l’invio di soldi in modo semplice e immediato, senza troppi controlli né documenti da firmare. Sono circuiti alternativi alle banche che, in molti casi, sono usati per estorcere denaro o praticare nemmeno troppo sofisticate truffe online. Per non parlare del riciclaggio di denaro sporco, favorito dal fatto che è molto difficile per la polizia controllare in modo efficace tutte le operazioni effettuate.

A chi non è mai capitato di essere contattato – in genere tramite email – da una persona che chiede l’invio di soldi tramite money transfer? Di solito questi messaggi hanno al loro interno storie fantasiose, spesso scritte in un italiano o un inglese stentato, e chiedono tutte la stessa cosa: del denaro per poter risolvere una determinata situazione. Scappare da un paese in guerra, costruire una casa sul lago, ritrovare la propria famiglia: queste storie sono chiaramente ben architettate e c’è qualcuno che a volte ci casca e invia soldi alle coordinate indicate. Ma ci sono anche persone che affittano case a ignari viaggiatori chiedendo il saldo con money transfer, o che vendono oggetti usando questo metodo di pagamento. Molte volte, purtroppo, queste case e questi oggetti non esistono: ed è qui che entra in gioco la truffa, che spesso vale anche migliaia di euro.

Il caso Western Union

Il Dipartimento di Giustizia americano e la Us Federal Trade Commission hanno imposto a Western Union di risarcire le persone che – tra il primo gennaio 2004 e il 19 gennaio 2017 – sono state truffate tramite il circuito di pagamento. E non è un conto basso quello che è stato presentato alla catena internazionale più famosa del mondo: sono 586 i milioni di dollari che usciranno dalle tasche di Western Union per andare a risarcire i clienti ingannati.

Per accedere al risarcimento, bisogna andare sul sito di Western Union, e compilare l’apposito form online, presentando tutti i documenti richiesti (tra cui, ovviamente, l’atto che testimonia l’avvenuta transazione). Nel caso si sia stati truffati più volte, bisogna inoltrare la domanda per ogni frode subita. Ma attenzione, perché i giorni corrono: c’è tempo solo fino al 19 febbraio per fare richiesta e rivedere i propri soldi. Dopo, saranno persi per sempre.

Truffe del money transfer: ecco come chiedere il risarcimento dal sito...