Lockdown energetico, arriva il decreto: un’ora in meno di riscaldamento

Dovrebbe arrivare a giorni, a quanto si apprende, un decreto ministeriale del dicastero della Transizione ecologica per ridurre il consumo domestico di gas.

La crisi energetica sta facendo muovere tutti i paesi dell’Ue, con la prospettiva di un vero e prorpio ‘lockdown energetico’ in autunno per preservare le (scarse) scorte di gas in vista dell’inverno. Ursula von der Leyen ha dato lelinee guida comunitarie, ora i vari paesi si muovono in autonomia dal punto di vista delle decisioni politiche.

In Italia la situazione politica è caotica, ma il governo in uscita si appresterebbe a varare un decreto apposito per ridurre il consumo domestico di gas, mentre le bollette continuano la loro folle corsa mettendo in ginocchio famiglie e imprese. Si deciderà nei prossimi giorni per quanto concerne illuminazione urbana e orari d’aoertura degli esercizi pubblici, intanto il focus è sul riscaldamento.

Termisifoni giù di un grado e un’ora in meno

Nel dm dovrebbero essere previsti, per l’inverno in arrivo, termosifoni giù di un grado -da 20 a 19 gradi- e riscaldamenti spenti un’ora prima per ridurre i consumi di un miliardo di metri cubi nell’ultimo semestre 2022 e di ben 2 miliardi nel 2023, stando almeno ai numeri sui quali ragiona il governo.

Sensibilizzazione

Governo che sta mettendo in cantiere, rivelano le stesse fonti, spot per sensibilizzare l’opinione pubblica sui consumi, ovvero sulle buone regole da tenere a mente per sforbiciarli, ad esempio rimarcando l’importanza di non stare troppo sotto la doccia o la buona abitudine di spegnere la luce quando non è strettamente necessaria.

Il piano Cingolani

Intanto domani a Palazzo Chigi, viene spiegato dalle stesse fonti, il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani presenterà al premier Mario Draghi il piano di risparmio energetico – una prima parte è stata già anticipata a luglio scorso – in cui si tracciano le misure necessarie da adottare in base ai diversi scenari possibili, da quelli attuali a quelli a tinte più fosche, a cui saremmo costretti – ad esempio – se Mosca dovesse chiudere i rubinetti.