Gli abiti più costosi del mondo

La qualità costa. A volte davvero tanto. Ma qualche volta sono soldi spesi a fin di bene

La qualità costa. E anche l’alta moda. Ma i capi firmati presentati a Parigi, New York e Milano sono quisquilie rispetto ai salatissimi conti presentati da grandi sarti e designer ai loro clienti. Infatti se gli stilisti si ingegnano per presentare soluzioni molto creative e fare ricerca sui materiali, i tre abiti più costosi del mondo non si distinguono per le linee, ma soprattutto per la manifattura: prevale il classico giacca e cravatta.

Nella top ten della costosa sfilata di abiti dal costo esorbitante, c’è un’originale eccezione. È un abito Zoot venduto a New York per  78.000 $. Per chi non lo sapesse lo Zoot Siut è un modello molto comune nelle comunità afroamericana che tutti ricordiamo perché indossato da Denzel Washington nel film Malcom X.

Stravaganza a parte, sul podio degli abiti più costosi vanno tre modelli:

Brioni Vanquish II:  43.000 $  
Da Tom Cruise al plurimedagliato Michael Phelps, passando per Sting, Samuel L. Jackson, Jake Gyllenhaal e tante altre super star internazionali, quando c’è da presenziare a un summit internazionale o ritirare un premio, l’abito è sempre e solo uno, un Brioni.  Attivo a Roma fin dal 1943, probabilmente Brioni è il produttore di abbigliamento su misura più ricercato. Il Vanquish II è un tessuto pregiato che viene realizzato dall’unione di tre lane esotiche e pregiate come la vigogna, la pashmina e la qiviuk. Sono stati prodotti solo 100 modelli dell’abito Vanquish II di Broni ma con 14 differenti stili.

Abito Alexander Amosu

Alexander Amosu : 110. 860 $
Fiero delle suo origini nigeriane, Alexander Amosu viene dal mondo del design. Il suo nome è indissolubilmente legato a quello del lusso e ha disegnato lo Smartphone più costoso del mondo (il Blackberry Diamond Q10) e anche la bottiglia di Champagne più costosa, il Goût de Diamants Taste of Diamonds.  Il suo abito da  101.860 dollari gli è costato 80 ore di lavoro. È realizzato in lana di vigogna e qiviuk, la lana più costosa del mondo che proviene dal muskox artico noto anche come bue muschiato. L’abito di Alexander Amosu dispone di oltre 5.000 punti individuali. In pratica ogni singolo punto è costato  circa 20 dollari. A far lievitare il prezzo sono i bottoni in diamante e oro 18 carati. Non si conosce l’identità del facoltoso acquirente.

Stuart Hughes e Richard Jewels Diamond Edition:  943.000 $ 
È d’obbligo fare una premessa: il ricavato di questo abito a edizione limitata – sono stati prodotti solo tre capi –  è andato in beneficenza alla popolazione haitiana colpita dal terremoto nel 2010. L’abito è in seta, lana Cashmere e dotato di 480 diamanti posizionati lungo tutto l’abito in modo che siano ben visibili. Ma non pensate agli abiti sgargianti di Michael Jackson, Stuart Hughes e Richard Jewels sono stati più sobri di quanto si possa pensare.

Gli abiti più costosi del mondo
Gli abiti più costosi del mondo