Mascherine in aereo: le nuove regole in Italia e in Europa dal 16 maggio

L'Europa e l'Italia scelgono strade diverse per le regole sugli aerei riguardo alle mascherine: ecco cosa cambia

Foto di Pierpaolo Molinengo

Pierpaolo Molinengo

Giornalista economico-finanziario

Giornalista specializzato in fisco, tasse ed economia. Muove i primi passi nel mondo immobiliare, nel occupandosi di norme e tributi, per poi appassionarsi di fisco, diritto, economia e finanza.

L’Agenzia dell’Unione europea per la sicurezza aerea (EASA), insieme al Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), ha deciso di revocare l’obbligo di mascherina sugli aerei che volano all’interno dell’Unione europea nel tentativo di facilitare i viaggi, che per due anni sono stati fortemente compromessi, con ingenti perdite soprattutto nel settore turistico.

I cittadini che intendono recarsi nei Paesi europei in aereo non devono quindi più, a partire dal 16 maggio, indossare la mascherina negli aeroporti e durante i voli in Europa. Ma ci sono delle eccezioni: l’Italia ad esempio.

Mascherine, le regole sui voli da e per l’Italia

In seguito alla modifica delle regole europee, l’ENAC ha pubblicato nuove linee guida che danno indicazioni su cosa bisogna invece fare nel nostro Paese.

La mascherina resta obbligatoria almeno fino al 15 giugno per i passeggeri e gli equipaggi dei voli su tutto il territorio nazionale, la cui tratta preveda quindi origine e destinazione in Italia, indipendentemente dal Paese di rilascio della licenza del vettore aereo.

Anche per l’accesso e l’utilizzo di aeri gestiti da vettori aerei con licenza italiana è sempre obbligatoria, sia per i passeggeri che per il personale della compagnia aerea.

E non basta la mascherina chirurgica: serve obbligatoriamente la mascherina FFP2. Ciò significa che su tutti i voli che collegano due città italiane bisogna indossare ancora la mascherina FFP2, anche se il volo è operato da una compagnia straniera.

Mascherine, le regole sui voli internazionali

Per quanto riguarda invece i voli che operano su tratte internazionali si applicano le regole in vigore nel Paese che ha rilasciato la licenza alla compagnia aerea.

Nelle sue linee guida l’Enac raccomanda agli operatori di informare “in modo efficace” i passeggeri circa le misure richieste a bordo in modo tempestivo e circa le regole e le misure sanitarie vigenti negli Stati di partenza e destinazione.

Le raccomandazioni

L’Enac inoltre precisa che è comunque sempre raccomandato l’utilizzo di mascherine negli spazi al chiuso pubblici e aperti al pubblico. E per questo è raccomandato ai gestori di apporre idonea segnaletica, includendo informazioni relative al corretto utilizzo delle mascherine e di disporre, dove possibile, distributori automatici di mascherine e altri dispositivi di protezione individuale in prossimità degli accessi ai terminal.

Restano sempre esclusi dall’obbligo i bambini con meno di 6 anni e i fragili, anche se per quest’ultima categoria l’ente italiano raccomandato comunque l’utilizzo di dispositivi di protezione delle vie respiratorie.

Dove comprare le mascherine FFP2 a prezzo ridotto

Ricordiamo che le mascherine FFP22 si possono trovare in farmacia, nei supermercati, in alcune tabaccherie e online su vari siti e-commerce.

Su Amazon ad esempio il modello più venduto è mascherine FFP2 IDOIT 20/30PCS CE 2834 5 Strati BFE ≥99% (sigillate singolarmente). Le trovate in 6 colori diversi.

Tra le più economiche si trovano anche le mascherine MEDMASK 100% Made in Italy. Sono mascherine Ffp2 Senza Valvola certificate CE con capacità filtrante BFE ≥99%.

Per quel che riguarda invece i più piccoli, tra i modelli più venduti e affidabili su Amazon ci sono le YIDA Mascherine Ffp2 taglia piccola Monouso 5 Strati certificate CE.