Reddito di cittadinanza, portale inaccessibile: i servizi sospesi

Venerdì 4 marzo previsti interventi di manutenzione straordinaria del portale reddito di cittadinanza: i servizi sospesi

Foto di Claudio Garau

Claudio Garau

Editor esperto in materie giuridiche

Laureato in Giurisprudenza, con esperienza legale, ora redattore web per giornali online. Ha una passione per la scrittura e la tecnologia, con un focus particolare sull'informazione giuridica.

Lo ha comunicato il ministero del Lavoro con una nota ufficiale: venerdì 4 marzo sono previsti interventi di manutenzione straordinaria del portale Servizi Lavoro, che coinvolgeranno anche il portale Reddito di cittadinanza e la Piattaforma per la gestione del Patto per l’inclusione sociale.

Reddito di cittadinanza, portale inaccessibile venerdì 4 marzo

Gli interventi di manutenzione che riguarderanno il portale saranno effettuati a partire dalle 16:00 di venerdì 4 marzo e avranno una durata di circa 24 ore. Si prevede quindi la ripresa delle attività a partire dal giorno dopo, ovvero sabato 5 marzo.

In particolare, durante la manutenzione, si potrebbero verificare disservizi sulle infrastrutture di accesso ai sistemi per l’ingresso e l’autenticazione degli utenti.

Come da consuetudine, è stato specificato sul sito del ministero del Lavoro, “il funzionamento riprenderà automaticamente al completamento delle operazioni”.

Per non perderti le ultime notizie e ricevere i nostri migliori contenuti, iscriviti gratuitamente al canale Telegram di QuiFinanza: basta cliccare qui

Reddito di cittadinanza, i servizi sospesi venerdì 4 marzo 2022

Tra i servizi inaccessibili (o malfunzionanti) venerdì 4 marzo, il portale che permette di verificare e gestire il reddito di cittadinanza direttamente online.

SPID è il sistema di accesso che consente di utilizzare, con un’identità digitale unica, i servizi online della Pubblica Amministrazione e dei privati accreditati, tuttavia potrebbe non essere riconosciuto o non permettere il proseguimento delle operazioni al portale RdC non prima di sabato 5 marzo 2022.

Chi è in possesso delle card (di interesse le date di ricarica di marzo), tramite l’accesso al portale solitamente può:

  • accedere con SPID al portale, utilizzando le tue credenziali per entrare nell’area riservata del sito per gestire il reddito di cittadinanza;
  • visualizzare saldo e movimenti, una volta effettuato l’accesso, per vedere il dettaglio della carta e il saldo residuo presente oppure ancora verificare i singoli movimenti con le descrizioni e la data (chi lo desidera può anche esportare i dati).

Sempre accedendo al portale reddito di cittadinanza chi ha tutti i requisiti richiesti può anche presentare domanda di accesso e riconoscimento del sussidio. A questo punto, la richiesta può essere presentata a partire dal 6 marzo online sul sito, oppure presso gli uffici postali o rivolgendosi ai CAF abilitati presenti su tutto il territorio italiano.

Va specificato, a tal proposito, che per l’invio della richiesta di riconoscimento del reddito tramite gli uffici postati o i patronati non è necessario essere muniti di SPID. Per la domanda è però sempre richiesta la presentazione dell’ISEE che rilascia l’Inps o un CAF abilitato a tale servizio.

Reddito di cittadinanza, portale inaccessibile: che fare?

Chiunque abbia la necessità di verificare o gestire il sussidio, in caso di sospensione del servizio online ha comunque delle alternative.

Nello specifico, anche da ATM o tramite call center è possibile verificare il saldo e i movimenti del proprio reddito di cittadinanza, inserendo la carta in un ATM Postamat e procedendo alla verifica tramite inserimento del Pin. Si può inoltre chiedere il saldo e i movimenti anche rivolgendosi al call center dedicato, chiamando il numero verde 800 666 888.

I servizi sospesi e alternative disponibili coinvolgono anche gli interessati a verificare la propria pensione di cittadinanza.