Camionisti, guadagni fino a 3mila euro: ma ne mancano 17mila

Quanti autisti di autotreni mancheranno nei prossimi anni in Italia

Gerardo Napoli è a capo di un’azienda della logistica con sede a Salerno, in Campania, la Napolitrans, che fattura 80 milioni di euro all’anno e, a detta del 49enne al comando, potrebbe muovere un giro di soldi ancora maggiore.

Come Napoli rivela al Corriere della Sera, che lo ha intervistato, la potenziale crescita dell’impresa è tenuta a freno dalla mancanza di personale: in particolare, non si riescono a trovare 60 autisti di camion, che Napoli pagherebbe 3mila euro netti con regolare contratto di lavoro da 5 giorni lavorativi a settimana.

“È sicuramente una strada”, commenta poi Napoli la proposta di Anita, associazione della logistica, sul favorire gli ingressi di stranieri con la patente. “Qui li impieghiamo con il contratto italiano della logistica. Sul piano dei costi per noi non cambia niente”, assicura poi al Corriere chiarendo che non intende pagarli meno degli italiani.

Perché nessuno si propone per il lavoro da camionista da 3mila euro

Per Napoli il problema è il costo e la costanza che richiede il conseguimento della patente E, necessaria per guidare gli autotreni. Il costo di un corso è di 6mila euro, un investimento considerevole a seconda delle disponibilità economiche di ciascuno. E poi il tempo: alcuni mesi di studio. Si tratterebbe tuttavia di un investimento – almeno quello economico – recuperabile in soli due mesi di stipendio offerto dalla Napolitrans.

Lo stesso capo d’azienda sottolinea poi che i costi della formazione non possono essere a carico della compagnia, perché per far studiare 60 autisti sarebbe necessario impiegare risorse per 360mila euro, con il rischio che i camionisti, appena formati, passino alla concorrenza, cioè a un datore di lavoro che li paga di più. E allora la soluzione potrebbe essere quella di agevolare stranieri già dotati della certificazione, se non una sorta di programma per il reinserimento dei disoccupati nel mondo del lavoro a carico dello Stato.

Quanti camionisti mancano (non soltanto) in Italia

In Italia mancano migliaia di autisti di camion e non è, questo, un problema della sola penisola. L’Anita ha ipotizzato una mancanza compresa tra una forbice di 5mila e 17.000 autisti di camion nei prossimi anni, che fotografano un mondo del lavoro spaccato tra chi non trova occasione di essere assunto e una domanda di lavoro specializzato che, nonostante la disoccupazione diffusa, fatica ad essere soddisfatta.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Camionisti, guadagni fino a 3mila euro: ma ne mancano 17mila