Allerta per l’uragano Danielle in Italia: dove potrebbe colpire

L'uragano atlantico viaggia direzione Europa e nel suo passaggio verso la Spagna potrebbe portare in Italia temporali da non sottovalutare

Scatta l’allarme in Europa per l’arrivo dell’uragano Danielle, il primo evento atlantico del 2022 formatosi in pieno oceano. Si tratta di una configurazione atmosferica che i meteorologi definiscono inconsueta e mai vista prima, con l’uragano che starebbe puntando l’Europa e che nei prossimi giorni potrebbe anche arrivare in Italia. Nelle scorse ore c’era il rischio di una intensificazione, con la NOAA – la National Oceanic and Atmospheric Administration, l’ente americano che si occupa di Oceani e Atmosfera – che aveva ipotizzato un uragano di categoria 1, ma sembrerebbe che Danielle sia declassato in depressione extra-tropicale.

Il declassamento, comunque, non fa tirare un sospiro di sollievo al Vecchio Continente che non può e non deve abbassare la guardia a causa dei forti venti che soffieranno oltre i 100 km/h. Ma dove arriverà Danielle e quale sarà il suo percorso in Europa? Anche l’Italia è avvertita.

Allarme per l’uragano Danielle

Dopo i primi grandi timori delle scorse ore, gli ultimi aggiornamenti danno un quadro un po’ più confortante per l’Europa che però, come detto, non può sottovalutare il passaggio dell’evento. Come riferito dai meteorologi, infatti, Danielle resterà nel cuore dell’Atlantico settentrionale, ma non dovrebbe fare landfall, ovvero raggiungere la terraferma. Questo aspetto, infatti, non è da sottovalutare in quanto l’impatto con la terra avrebbe potuto causare ingenti danni.

Non è ancora escluso comunque che nel suo lento movimento verso nord-ovest possa virare verso nord-est, in direzione dell’Europa. Alcuni modelli messi a punto dagli esperti, stimano che Danielle transiterà comunque vicino all’Europa occidentale, provocando condizioni meteo avverse in Spagna, Francia e Regno Unito.

L’uragano, secondo quanto si rileva, è stato causato dalle anomalie di temperatura registrata nell’Oceano Atlantico, dove il termometro ha segnato un +5C° rispetto ai valori normali. Nel settore centrale e occidentale del Nord Atlantico, tra i paralleli 40º N e 50º N, la temperatura del mare ha infatti raggiunto valori mai osservati prima.

I rischi per l’Italia

Non è escluso, come detto, che l’uragano Danielle possa comunque portare dei risvolti meteo negativi per l’Europa. Avvicinandosi alla penisola Iberica, infatti, tenderà invece a isolarsi sul nostro Paese che sarà dominato dall’alta pressione di matrice africana. Secondo quanto riferito dai meteorologi, dalla prossima settimana l’Italia verrà investita da un caldo intenso praticamente ovunque, un caldo fastidioso, umido, a causa di una ventilazione prevalentemente meridionale.

Si tratterà di 2-3 giorni di caldo, poi però le cose potrebbero cambiare con l’arrivo di correnti instabili al Centro-Nord da metà settimana. L’Italia, infatti, potrebbe essere sfiorata dalla coda di Danielle, che servirebbe un ribaltone delle condizioni meteo nel Bel Paese. L’ingresso delle correnti nel bacino del Mediterraneo potrebbero infatti innescare un vortice ciclonico dal 13 al 14 settembre, favorendo di conseguenza una fase climatica piuttosto perturbata e temporalesca dai tipici connotati autunnali. L’Italia è dunque avvertita e massima è l’allerta in ogni zona del Paese che, in questo periodo più di altri, a causa dei forti contrasti tra l’ultimo caldo estivo e i primi freddi autunnali, è spesso colpita da eventi alluvionali avversi che possono provocare improvvise frane o forti temporali. Qui vi abbiamo parlato dell’allerta meteo in alcune regioni d’Italia, col rischio di temporali, grandine e trombe d’aria che interesserà buona parte del Paese.