Pensione di novembre: bonus da 150 euro, rivalutazione e calendario pagamenti

Pensioni di novembre 2022 in pagamento alle Poste dal 2 novembre, anche con accredito in banca: importi maggiorati per bonus e rivalutazione.

Come noto, già a partire da ottobre i titolari di trattamento previdenziale vedranno il proprio assegno più ricco grazie all’anticipo della rivalutazione delle pensioni per contrastare gli effetti del caro-vita sulle tasche degli italiani. Con una circolare l’Inps dà istruzioni sull’applicazione della misura stabilita dal Dl Aiuti bis che prevede due tipi di aumenti.

Pensioni, rivalutazioni in arrivo: la circolare Inps

All’articolo 21 del decreto (qui trovate tutte le misure approvate nel Dl Aiuti bis per famiglie e imprese, e il decreto in pdf) si stabilisce, infatti, una perequazione, cioè l’adeguamento delle pensioni al caro vita, dello 0,2% a recupero dell’inflazione del 2021, per tutti i titolari di trattamento, e allo stesso tempo di anticipare la rivalutazione rispetto a gennaio di un ulteriore 2% sulla base dell’inflazione 2022, ma solo per coloro che percepiscono un massimo pari a 2.692 euro ovvero 35 mila euro l’anno.

Come precisato dall’Inps, per i mesi di ottobre, novembre e dicembre le pensioni fino a 2.962 euro lordi avranno un aumento che sarà del 2% per la quota fino a 2.097,40, dell’1,80% per quella fino a 2.621,75 euro e dell’1,50% per quella fino a 2.962 euro lordi.

Rivalutazione pensione: come riceverla

Come da istruzioni Inps l’importo sarà corrisposto in automatico sulle mensilità di ottobre, novembre, dicembre e tredicesima e sarà identificato da una specifica voce di cedolino denominata “Incremento D.L. Aiuti bis”.

L’importo è imponibile ai fini Irpef e sarà tassato su ciascuna mensilità. Per le pensioni della gestione privata sarà riportata una specifica voce denominata “Conguaglio Irpef anno in corso”.

Per le pensioni della Gestione pubblica sarà ricalcolata la voce di trattenuta Irpef usualmente esposta. Per le pensioni con pagamento annuale o semestrale l’incremento sarà corrisposto con la rata di gennaio 2023.

Bonus 150 euro nel cedolino pensione di novembre

Nel cedolino pensione di novembre 2022 è accreditato anche il Bonus 150 euro per chi ne ha diritto (pensioni lorde fino a 20mila euro), in modo automatico e senza doverne fare richiesta all’INPS.

La somma una tantum di 150 euro sarà riconosciuta ai pensionati, titolari di uno o più trattamenti previdenziali ed assistenziali nonché di trattamenti di accompagnamento alla pensione (APE, ISOPENSIONE, ecc.) con decorrenza entro il 1° ottobre 2022.

Per ricevere il bonus è necessario:

  • essere residenti in Italia,
  • essere titolari di uno o più trattamenti pensionistici e con reddito personale IRPEF, al netto dei contributi, non superiore a 20mila euro per l’anno 2021.

Non concorrono al limite di 20.000 euro: i trattamenti di fine rapporto comunque denominati, il reddito dell’abitazione e le competenze arretrate sottoposte a tassazione separata.

Il calendario di novembre

Il pagamento delle pensioni INPS in contanti presso gli sportelli di Poste Italiane prenderà il via mercoledì 2 novembre, essendo il 1° del mese un giorno festivo.

La riscossione dell’assegno potrà dunque avvenire rispettando la consueta divisione giornaliera, con calendario basato sull’iniziale del cognome:

  • 2 novembre: dalla A alla B
  • 3 novembre: dalla C alla D
  • 4 novembre: dalla E alla K
  • 5 novembre: dalla L alla O
  • 7 novembre: dalla P alla R
  • 8 novembre: dalla S alla Z