Covid, malattia ai lavoratori in quarantena e positivi: cosa cambia nel 2021

L'Inps ha chiarito cosa cambia per i lavoratori che sono stati positivi o in quarantena causa coronavirus durante il 2020 e per chi lo è stato o lo sarà nel 2021

Il nuovo messaggio dell’Inps, il n. 2842 del 6 agosto 2021, spiega cosa è cambiato riguardo l’indennità previdenziale di malattia in caso di quarantena per chi è entrato in contatto con pazienti affetti da Covid e per i lavoratori fragili e ha chiarito cosa succede a chi necessita di stare a casa a causa dell’isolamento dopo il tampone positivo a Sars-Cov-2.

Covid, indennità di malattia in caso di quarantena

Riguardo la malattia in caso di quarantena, come stabilito dall’art. 26 del decreto legge n. 18 del 17 marzo 2020, l’Istituto ha fatto sapere che verranno finalmente riconosciuti gli importi dovuti per l’anno 2020.

Per l’erogazione della prestazione, l’Inps si baserà sulle certificazioni attestanti il periodo di quarantena redatte dai medici di famiglia, anche qualora non fosse possibile reperire indicazioni dal provvedimento emesso dall’operatore della sanità pubblica.

Covid, indennità di malattia per quarantena 2021

Per il 2020 sono stati stanziati complessivamente 663,1 milioni di euro. L’Istituto non potrà superare questa cifra per riconoscere a tutti i lavoratori sottoposti all’obbligo di quarantena l’indennità previdenziale di malattia.

Riguardo il 2021, il Governo non ha stanziato ulteriori fondi per i lavoratori sottoposti a quarantena. Salvo nuovi decreti, dunque, l’Inps non potrà riconoscere la tutela previdenziale per l’anno in corso.

Covid, indennità di malattia per i lavoratori fragili

Per i lavoratori fragili, l’assenza dal lavoro causa quarantena è invece equiparata al ricovero ospedaliero. Per loro l’Istituto continuerà a erogare l’indennità per tutti gli eventi relativi all’anno 2020 e per tutti quelli che si sono verificati fino al 30 giugno 2021.

Il decreto legge n. 105 del 23 luglio 2021 ha prorogato inoltbre il diritto a svolgere l’abilità lavorativa in smart working a tutti i lavoratori fragili fino al 31 ottobre 2021.

Indennità di malattia per i positivi al Covid

L’Inps ha anche ribadito che per tutti i lavoratori che risultano positivi al Covid, e dunque devono assentarsi dal lavoro anche se sono asintomatici, continua a essere riconosciuta la tutela della malattia secondo la gestione ordinaria.

L’indennità ìdi malattia ordinaria spetta ai seguenti gruppi di lavoratori.

  • Operai del settore industria.
  • Operai e impiegati del settore terziario e servizi.
  • Lavoratori dell’agricoltura.
  • Apprendisti.
  • Disoccupati.
  • Lavoratori sospesi dal lavoro.
  • Lavoratori dello spettacolo.
  • Lavoratori marittimi.

Non spetta invece, ad esempio, a questi gruppi.

  • Collaboratori familiari come colf e badanti.
  • Impiegati dell’industria.
  • Quadri di industria e artigianato.
  • Dirigenti.
  • Portieri.
  • Lavoratori autonomi, anche se ne possono beneficiarne per il Covid.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Covid, malattia ai lavoratori in quarantena e positivi: cosa cambia ne...