Aumenti in busta paga CCNL Multiservizi: come cambiano gli stipendi

Contratto multiservizi, arriva l'ok: aumenti in busta paga per oltre 600 mila lavoratori

Trattative giunte a buon fine: l’ok al contratto multiservizi (CCNL Multiservizi) è arrivato, confermando aumenti di stipendio per oltre 600 mila lavoratori del settore. Cambia quindi la busta paga e, di conseguenza, anche gli importi percepiti. Vediamo nello specifico chi sono i soggetti interessati.

CCNL Multiservizi, raggiunto l’accordo per aumenti in busta paga: come cambiano gli stipendi

Dopo il via libera delle associazioni dei lavoratori – Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs – è stata finalmente raggiunta l’intesa sul contratto nazionale CCNL Multiservizi in accordo con le associazioni datoriali Agci Servizi, Anip Confindustria, Confcooperative Lavoro e Servizi, Legacoop Produzione e Servizi, Unionservizi Confapi. I nuovi importi approvati (ovvero gli aumenti in busta paga) decorreranno da questo mese e interesseranno gli stipendi fino al 31 dicembre 2021.

L’aumento economico per i 600mila addetti ai lavori sarà pari a 120 euro a regime per il 2° livello: la prima tranche – in arrivo già nel mese di luglio 2021 – sarà pari a 40 euro, fino ad arrivare a l’ultimo importo in busta paga caricato a luglio 2025 che sarà pari a 10 euro. La massa salariale complessiva è infatti pari a 3.430 euro in totale.

Aumenti in busta paga CCNL Multiservizi: i lavoratori interessati

Ma chi interesseranno gli aumenti in busta paga? Il CCNL Multiservizi disciplina in maniera unitaria, per tutto il territorio nazionale, i rapporti di lavoro posti in essere dalle imprese industriali, artigiane, cooperative, dai consorzi e dalle società consortili operanti nel settore pulizia e servizi integrati/multiservizi che svolgono, anche per conto terzi, le seguenti attività:

  • servizi di pulimento, disinfezione, sanificazione, disinfestazione e derattizzazioni (civili, industriali, ospedaliere, domiciliari, pulitori, netturbini, spazzacamini, ecc.);
  • servizi di manutenzione (aree verdi, impianti e macchinari industriali, insegne luminose, immobili, beni mobili, ripulitura muri da scritte e graffiti, strade e segnaletica orizzontale e verticale, interventi in aree confinate, piscine, spiagge, arenili, ecc.);
  • servizi aree verdi, comprensivi di pulizia giardini, potatura e abbattimento piante;
  • interventi aerei, con piattaforme o cestelli, per la manutenzione di impianti elettrici e di illuminazione, pulizia tetti e grondaie, ecc.;
  • servizi di conduzione e gestione impianti (termici, climatizzazione, elettrici, idraulici, ecc.);
  • Interventi di manutenzione, sostituzione, lettura e gestione tecnica amministrativa dei gruppi di misura;
  • servizi di controllo accessi, servizi ausiliari museali, fieristici e congressuali (reception, accoglienza, accompagnamento, custodia di locali, edifici, aree, ecc.);
  • nettezza urbana: spazzamento, raccolta anche differenziata, trasporto e trattamento, recupero e smaltimento rifiuti solidi e liquidi, con o senza recupero energetico, lavaggio cassonetti;
  • taglio erbe riparie e stradali, anche con macchinari semoventi;
  • transennature stradali, anche provvisorie;
  • impianti per la potabilizzazione, desalinizzazione e depurazione delle acque, con o senza recupero energetico;
  • impianti di produzione, trasporto e distribuzione di calore ed energia elettrica, servizi di irrigazione di impianti per l’agricoltura;
  • servizi generali (servizi copia, centralino, distribuzione cancelleria e posta interna, fattorinaggio, barellaggio, movimentazione interna e esterna, etc.);
  • servizi di distribuzione e recapito corrispondenza dei diversi servizi postali;
  • servizi amministrativi (gestione condominiale, gestione utenze, autorizzazioni, licenze, imposte, fatturazioni, etc.);
  • servizi alla ristorazione (trasporto e distribuzione pasti, riordino locali, lavaggio stoviglie, ecc.);
  • servizi ausiliari del trasporto (assistenza, rimessaggio e piccola manutenzione al trasporto pubblico, autobus, tram, aeromobili, natanti, ecc.);
  • servizi ausiliari in area scolastica, sanitaria, industriale ed uffici pubblici e privati;
  • servizi integrati in ambito fieristico, museale ed archeologico, comprese iniziative promozionali e manifestazioni ricreative e culturali, nonché i servizi di primo intervento antincendio, ecc.;
  • servizi di controllo degli accessi e custodia di aree, parcheggi, edifici ed attrezzature comprese la gestione di parcheggi a pagamento o non a pagamento in aree confinate private, con l’ausilio di impianti tecnologici e servizi cinofili;
  • portierato e guardiania;
  • servizi di fattorinaggio, custodia ed archiviazione documenti, trasporto documenti, servizi di biglietteria e informazioni anche telefoniche, incluso call-center, ecc.;
  • accompagnamento, cattura e ingabbiamento e scarico di bestiame presso mattatoi;
  • servizi ausiliari alla gestione di biblioteche ed esposizione libraria, gestione degli accessi, informazione al pubblico, movimentazione e trattamento fisico del materiale librario (copertinatura, apposizione bande antitaccheggio, applicazione codici a barre, ecc.);
  • gestione nella totalità delle attività inerenti magazzini e centri distributivi, servizi di confezionamento di prodotti alimentari e non;
  • servizi di manutenzione impianti di sollevamento (ascensori) e di antintrusione (allarmi e video sorveglianza)
  • facchinaggio, mercati ortofrutticoli, anche con l’utilizzo di macchinari;
  • servizi ausiliari alle produzioni industriali fuori linea;
  • servizi accessori a quelli indicati negli alinea precedenti.

Attualmente l’inquadramento retributivo dei lavoratori di secondo livello – quelli interessati dagli aumenti – è pari a 1578 euro mensile, importo a cui bisognerà sommare (alla paga base) un EDR pari a 10,33 euro, un elemento regionale di importo variabile e – dopo l’accordo raggiunto dai sindacati – gli aumenti previsti da qui al 2025.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Aumenti in busta paga CCNL Multiservizi: come cambiano gli stipendi