Annunciato maxi sciopero venerdì 21 ottobre: città e orari di stop

Annunciato maxi sciopero a ottobre: per 24 ore diverse sono le città italiane che si fermeranno, in concomitanza con uno stop dei voli aerei nazionali

Foto di QuiFinanza

QuiFinanza

Redazione

QuiFinanza, il canale verticale di Italiaonline dedicato al mondo dell’economia e della finanza: il sito di riferimento e di approfondimento per risparmiatori, professionisti e PMI.

Annunciato maxi sciopero venerdì 21 ottobre: per 24 ore diverse sono le città italiane e le regioni che si fermeranno, in concomitanza con uno stop dei voli aerei nazionali.

Ma vediamo, nello specifico, quali sono i mezzi e gli orari interessati: chi si ferma e perchè.

Sciopero aerei 21 ottobre: le compagnie che hanno annunciato lo stop

Lo sciopero di venerdì 21 ottobre è stato confermato da più sigle sindacali. Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti, nello specifico, hanno annunciato lo stop per l’intera giornata di venerdì di tutto il personale Enav, che coinvolge in parte anche i dipendenti Vueling ed Easyjet. Tra questi, i piloti – rappresentati da Ampac – sciopereranno nello specifico 4 ore, ovvero dalle 11 alle 15.

Quello che chiedono i lavoratori, in questo caso, è:

  • l’applicazione e l’evoluzione del piano industriale;
  • l’adeguamento degli organici;
  • l’organizzazione dei turni di lavoro;
  • la definizione di tempistiche e contenuti del rinnovo del contratto.

“Purtroppo, dopo diversi incontri con i vertici di Enav, non sono emersi elementi sufficienti a dare risposte alle numerose problematiche che abbiamo posto ormai da mesi alla dirigenza – è stato scritto nel comunicato congiunto rilasciato delle tre organizzazioni sindacali – Per questo motivo porteremo avanti la nostra protesta anche con altre azioni future se si renderanno necessarie”.

Nella stessa giornata, prenderanno parte allo sciopero anche i lavoratori delle imprese addette ai servizi aeroportuali e all’handling rappresentati dalla Federazione lavoratori aziende italiane (Flai).

Stop al traffico aereo per 24 ore: i voli cancellati e annullati

Le proteste di venerdì 21 ottobre, come abbiamo visto, interesseranno soprattutto gli aeroporti. Per carenza di personale, quindi, sia Ryanair che Ita Airways hanno annullato o prevedono di cancellare centinaia di voli (qui come ottenere da 250 a 600 euro in più, oltre il rimborso).

“A causa di uno sciopero dei Controllori di Volo di 24 ore a partire dalle 00:00 di venerdì (21 Ottobre), siamo stati costretti, sfortunatamente, a cancellare oltre 600 voli da/per l’Italia. Tutti i 110,000 passeggeri Ryanair interessati sono stati notificati ed informati delle loro opzioni”, ha comunicato Ryanair, scusandosi poi per i disagi causati ai viaggiatori.

Per lo stesso motivo, Ita Airways ha in previsione di cancellare circa 200 voli di quelli in programma venerdì 21 ottobre. Tuttavia, per limitare i danni, la compagnia si sta già attivando per permettere ai passeggeri di poter riprenotare un volo, nella stessa giornata interessata dallo sciopero. Inoltre, chi non riuscirà a volare venerdì 21 ottobre, avrà la possibilità di cambiare prenotazione senza alcuna penale o chiedere il rimborso del biglietto fino al 28 ottobre, ma solo nel caso in cui la partenza prevista originariamente sia stata cancellata o abbia subito un ritardo maggiore di 5 ore (qui come richiedere il rimborso) .

La fasce orarie in cui sarà garantito viaggiare, nella giornata di stop di venerdì 21 ottobre, saranno dalle ore 7 alle 10 e dalle ore 18 alle 21, in cui i voli devono essere comunque effettuati.

Sciopero mezzi pubblici: anche i trasporti nelle città si fermano

Non solo sciopero aereo, ma anche di mezzi pubblici. Venerdì 21 ottobre infatti si fermeranno i dipendenti dei servizi di trasporto di Roma. Infatti, dalle 8,30 alle 12,30 prenderanno parte allo sciopero i lavoratori iscritti al sindacato Usb nel consorzio Roma Tpl, ma la protesta sarà solo in Roma Tpl (mentre le corse Atac saranno garantite regolarmente).

Oltre ai bus, a fermarsi saranno l’ex Roma Lido e la Roma Viterbo. Lo stop inizierà dalle ore 00:01 del 21 ottobre, ma dalle 5.30 alle 8.30 e dalle 17 alle 20 il servizio tornerà regolare per le cosiddette fasce di garanzia, per poi riprendere dalle 8.31 alle 16.59 e poi dalle 20.01 alle 24.

Sempre venerdì 21 ottobre si fermano anche i dipendenti Trenitalia del Friuli Venezia Giulia (staff, biglietterie e costumer care) e i lavoratori Trenitalia, Rfi, Ferservizi e Mercitalia rail del Veneto, dalle ore 9.00 alle 17.00.