Bonus psicologo, fondi insufficienti: chi potrà averlo

Bonus psicologo, su oltre 340mila le richieste arrivate finora, potranno essere soddisfatte poco più di una domanda su dieci. La scadenza è il 24 ottobre

Si avvicina la scadenza per il bonus psicologo, il contributo fino a 600 euro per le spese di assistenza psicologica di coloro che, nel periodo delicato della pandemia e della correlata crisi economica, hanno visto accrescere le condizioni di depressione, ansia, stress e fragilità psicologica.

C’è tempo fino al 24 ottobre 2022 per inoltrare le richieste sul sito dell’Inps, ma è importante farlo subito: le graduatorie saranno stilate in base all’ordine di arrivo della domanda, per le singole le regioni, suddivise in base alla residenza del richiedente, e “fino a concorrenza delle risorse disponibili nel territorio di riferimento”.

Bonus psicologico, fondi solo per un richiedente su dieci

Il rischio è che i fondi non siano sufficienti: su oltre 340mila le richieste (di queste ben il 60% riguarda under 30) arrivate finora al portale dell’Inps, potranno essere soddisfatte poco più di una domanda su dieci.

Dopo un primo stanziamento di 10 milioni, sufficiente per circa 16mila persone, l’ultimo decreto Aiuti ha stanziato altri 15 milioni. Le risorse totali, che così ammontano a 25 milioni in tutto, basteranno per circa il 12% di chi ha fatto domanda. Una persona su dieci.

Bonus psicologico, a chi andrà

Le domande per il bonus possono essere inoltrate fino al 24 ottobre. L’Inps le accoglierà “fino a concorrenza delle risorse disponibili nel territorio e il beneficio sarà erogato in base all’ordine di arrivo della domanda, prioritariamente alle persone con Isee più basso”.
In pratica chi è arrivato prima nell’invio della domanda e può esibire una situazione reddituale e patrimoniale più bassa scalerà le posizioni nella graduatoria.

Bonus psicologo, boom di richieste tra i giovani

Su 300mila richieste del bonus psicologico in Italia, oltre il 60%, pari a 180mila domande, proviene da persone sotto i 35 anni, si legge in un rapporto della Commissione europea sull’impatto della pandemia da Covid-19 sulla salute mentale dei giovani. nello specifico, il 43,55% proviene da giovani tra i 18 e i 35 anni, mentre il 16,62% è a favore di minori (0-18 anni).

“I giovani sono stati particolarmente colpiti. Hanno visto le loro vite sconvolte. Dobbiamo sostenerli con interventi concreti”, ha evidenziato la commissaria Ue Mariya Gabriel.

Bonus psicologo, cos’è

Il contributo nella misura massima di 600 euro per persona, è modulato in base all’Isee del richiedente, è erogato una sola volta e può essere utilizzato come un voucher per scontare fino a un massimo di 50 euro per seduta.
Le sedute devono essere tenute da professionisti regolarmente iscritti all’elenco degli psicoterapeuti all’interno dell’albo degli psicologi, che hanno comunicato al proprio ordine professionale di appartenenza la propria adesione all’iniziativa.

Bonus psicologo, i requisiti Isee per fare domanda

Come riporta la circolare n 83 del 19/07/2022, al fine di sostenere le richieste delle persone con reddito più basso, l’importo del bonus psicologo 2022 deve essere commisurato alle seguenti fasce Isee:

  • in caso di Isee inferiore a 15.000 euro l’importo del beneficio, fino a 50 euro per ogni seduta, è erogato a concorrenza dell’importo massimo stabilito in 600 euro per ogni beneficiario (quindi massimo 12 sedute);
  • in presenza di Isee compreso tra i 15.000 e i 30.000 euro, l’importo del beneficio, fino a 50 euro per ogni seduta, è erogato a concorrenza dell’importo massimo stabilito in 400 euro per ogni beneficiario (quindi massimo 8 sedute);
  • in caso di Isee superiore a 30.000 e non superiore a 50.000 euro, l’importo del beneficio, fino a 50 euro per ogni seduta, è erogato a concorrenza dell’importo massimo di 200 euro per ogni beneficiario (massimo 4 sedute).

Bonus psicologo, come fare domanda

Le domande possono essere presentate fino al 24 ottobre 2022. Alla scadenza delle domande, saranno elaborate le graduatorie degli aventi diritto in base alle risorse disponibili. Il beneficio sarà erogato prioritariamente alle persone con Isee più basso, in base all’ordine di arrivo della domanda.

Le domande possono essere presentate esclusivamente in via telematica accedendo al servizio “Contributo sessioni psicoterapia” attraverso una delle seguenti modalità:

  • portale web, utilizzando l’apposito servizio online sul sito Inps direttamente dal cittadino tramite SPID di livello 2 o superiore, oppure, tramite Carta di identità elettronica (CIE) 3.0 o tramite Carta Nazionale dei servizi (CNS);
  • Contact Center Integrato, contattando il numero verde 803.164 (gratuito da rete fissa) o il numero 06 164.164 (da rete mobile a pagamento, in base alla tariffa applicata dai diversi gestori).