Pensioni, importo mensile in calo e assegni più poveri per le donne

Pensioni, l'Inps ha pubblicato l’osservatorio sul monitoraggio dei flussi di pensionamento nel 2021 e nel primo semestre del 2022

L’Inps ha pubblicato l’osservatorio sul monitoraggio dei flussi di pensionamento, relativo alle pensioni con decorrenza nel 2021 e nei primi sei mesi del 2022 (pensioni di vecchiaia e anticipate, di invalidità e ai superstiti del FPLD, della Gestione Dipendenti Pubblici e delle gestioni degli autonomi, compresi i parasubordinati e agli assegni sociali).

Le evidenze rivelano un importo medio mensile in calo, con un aumento delle prestazioni pensionistiche delle donne ma con assegni più poveri.

Pensioni, importi più bassi per le donne

Il totale delle pensioni con decorrenza nel 2021 è di 877.724, per un importo medio mensile alla decorrenza di 1.203 euro: di queste, 490.097 sono riferite a donne, per un importo medio mensile di 1.018 euro, e 387.627 a uomini, con 1.436 euro mensili.

Le pensioni con decorrenza nel periodo gennaio–giugno 2022 sono state invece 390.932 per un importo medio mensile di 1.173 euro, con prevalenza di quelle femminili, che però ricevono un assegno di molto inferiore rispetto alla controparte maschile: 959 euro al mese per le donne e 1.427 euro per gli uomini.

I valori si riferiscono alle pensioni di vecchiaia, anticipate, di invalidità, ai superstiti del FPLD, della Gestione Dipendenti Pubblici e delle gestioni degli autonomi, compresi i parasubordinati e agli assegni sociali.

Pensioni, i dati Inps

Per quanto riguarda le singole categorie, le pensioni con decorrenza 2021 sono state:

  • 282.509 pensioni di vecchiaia (compresi gli assegni sociali),
  • 293.906 pensioni anticipate,
  • 50.007 pensioni di invalidità
  • 251.302 pensioni ai superstiti.

Nei primi sei mesi del 2022:

  • 132.467 vecchiaia,
  • 131.898 anticipate,
  • 17.829 invalidità
  • 108.738 superstiti.

Analizzando le singole gestioni, il FPLD ha totalizzato 379.312 pensioni nel 2021 e 179.353 nei primi sei mesi del 2022; seguono la gestione dipendenti pubblici con rispettivamente 165.161 e 50.766, artigiani (94.107 e 43.655), commercianti (82.660 e 38.512), parasubordinati (39.733 e 18.784) e coltivatori diretti, coloni e mezzadri (40.387 e 18.264). Gli assegni sociali sono stati 76.364 nel 2021 e 41.598 nei primi sei mesi del 2022.