Elon Musk, dai sogni al patrimonio stellare: come ha fatto a diventare la persona più ricca al mondo

L'inventore di Tesla e SpaceX è diventato l'uomo più ricco del mondo, superando anche Jeff Bezos, dopo che il prezzo delle azioni di Tesla è letteralmente schizzato alle stelle

Era un geek. È cresciuto in una casa dove tutto sapeva di ingegneria e scienza. Quando era a scuola, la fisica era l’unica materia in cui era sempre bravo. Elon Musk, oggi, è la persona più ricca del mondo.

Tutte le incredibili invenzioni di Elon Musk

L’inventore di Tesla e SpaceX è stato spinto sull’olimpo dei più danarosi dopo che il prezzo delle azioni di Tesla è letteralmente schizzato alle stelle a gennaio 2021. Il genio Elon ha così soffiato il primato al fondatore di Amazon Jeff Bezos, che lo deteneva dal 2017.

La sua società di auto elettriche è aumentata di valore nel 2020 di oltre sette volte e ha raggiunto per la prima volta un valore di mercato di 700 miliardi di dollari, pari a circa 580 miliardi di euro. Tradotto, Tesla vale più di Toyota, Volkswagen, Hyundai, GM e Ford messe insieme.

Musk che investe 1,5 miliardi di dollari in Bitcoin e fa impennare la criptovaluta, Musk che guarda al Dogecoin che subito dopo schizza a +800%, Musk che approda su Clubhouse e lo fa esplodere, Musk che lancia in orbita 143 satelliti di SpaceX in una botta sola, Musk che lancia la compagnia satellitare Starlink, che forse arriverà anche in Italia, Musk che finanzia un contest di ricerca su cambiamento climatico ed effetti del gas serra, donando 100mila dollari a chi riesce a drenare CO2 dai mari.

Musk che dice che entro la fine del 2021 inizierà i test per impiantare il modulo di Neuralink nel cervello umano. Risvolti apparentemente inquietanti, ma potenzialmente straordinari dal punto di vista scientifico, per persone con gravissime malattie. Secondo lui presto sarà possibile curare molte forme di depressione e dare una vita migliore a chi ha subito danni neurologici. Il modulo di Neuralink potrebbe aiutare a curare anche l’Alzheimer, la demenza e le lesioni del midollo spinale.

Quanto guadagna Elon Musk: patrimonio e reddito

Musk, un genio assoluto. L’aumento della sua ricchezza nell’ultimo anno segna l’ascesa più rapida di sempre in cima alla lista dei ricchi, e rappresenta un’incredibile svolta finanziaria se pensiamo che appena 18 mesi fa era su tutte le prime pagine del mondo perché Tesla stava rovinosamente crollando.

“Circa la metà dei miei soldi è destinata ad aiutare i problemi sulla Terra e l’altra metà ad aiutare a creare una città autosufficiente su Marte per garantire la continuazione della vita di tutte le specie, nel caso in cui la Terra venga colpita da un meteorite, da qualcosa come i dinosauri o dalla terza guerra mondiale” ha twittato Musk qualche tempo fa.

Musk aveva iniziato il 2020 con un valore di circa 27 miliardi di dollari (22,4 miliardi di euro) ed era a malapena tra le 50 persone più ricche. Oggi il suo patrimonio netto supera i 185 miliardi di dollari, pari a circa 153 miliardi di euro. Bezos arriva a 184 miliardi, appena uno in meno.

Musk ha aggiunto in appena un anno quasi 158 miliardi di dollari al suo patrimonio netto, che è di quasi 432 milioni al giorno, pari a 358 milioni di euro. Nell’ambito del piano di compensazione decennale di Tesla, Musk può acquistare 20.264.042 azioni di Tesla a 350,2 dollari per azione.

Secondo un rapporto di Bloomberg, Musk avrebbe sbloccato tre tranche di azioni nel 2020. Dopo aver tenuto conto del prezzo di acquisto, rappresentano un pagamento di quasi 8,8 miliardi di dollari, il che significherebbe un reddito di oltre 26 milioni (22 milioni di euro) al giorno nei primi 334 giorni del 2020.

Una volta arrivati, le cifre sono pazzesche. Qualcuno si è anche messo a calcolare quanto guadagna Elon Musk ogni 5 minuti. Una cifra stratosferica: esattamente 21.030 dollari, cioè ben 17.450,80 euro.

La classifica delle persone più ricche al mondo: la top 10

Ma ecco chi sono i più ricchi, dopo di lui:

  • Elon Musk (Tesla)
  • Jeff Bezos (Amazon)
  • Bill Gates (Microsoft)
  • Bernard Arnault (Lvmh)
  • Mark Zuckerberg (Facebook)
  • Zhong Shanshan (uomi più ricco d’Asia)
  • Warren Buffett (finanziere)
  • Larry Page (Google)
  • Larry Ellison (Oracle)
  • Sergj Brin (Google).

Come ha fatto Musk a superare Bezos

Ma come si spiega il superamento di Bezos? Anche il capo di Amazon ha visto crescere enormemente le sue fortune nell’anno della pandemia, visto che Amazon ha beneficiato di una maggiore domanda sia per il suo negozio online che per i servizi di cloud computing.

Ma Bezos ha ceduto una quota del 4% della società alla sua ex moglie MacKenzie Scott dopo la separazione, il che ha aiutato Musk a sorpassarlo.

Inoltre, la minaccia di regolamentazioni ha spinto le azioni di Amazon a non aumentare così tanto come avrebbe potuto fare altrimenti.

Come ha fatto Elon Musk a diventare l’uomo più ricco del mondo

Ma come ha fatto Musk a diventare l’uomo più ricco del mondo? Tanto per cominciare è utile dare uno sguardo all’IRS, che regolarmente pubblica le 400 dichiarazioni dei redditi individuali che segnalano i redditi lordi più elevati ogni anno.

Dobbiamo distinguere tra patrimonio netto e reddito. Sebbene sia etichettato come il CEO più pagato al mondo, Musk non riceve alcun stipendio base da Tesla. Ottiene le stock option dalla società come parte del piano di compensazione del 2018 che è collegato alla società e che fornisce traguardi chiave.

E quindi arriviamo al vero punto della questione: come fanno i più ricchi a diventare così ricchi? Osservando la ripartizione di come queste persone hanno guadagnato i loro soldi, sembra piuttosto chiaro:

  • stipendi: 4,4%
  • interessi: 4,2%
  • dividendi: 10,9%
  • vendita di beni capitali: 65,2%
  • reddito netto di partnership: 16,2%.

Cosa significano questi numeri? Che le persone più ricche del mondo sono imprenditori. Tutti loro hanno costruito, o contribuito a costruire, come primi partner con quote di proprietà, attività di incredibile successo.

Gli stipendi rappresentano solo una minuscola percentuale dei guadagni di una persona ricca. Così fanno interessi e dividendi. E anche possedere un’impresa, o più imprese, rappresenterebbe circa quattro volte più reddito che non guadagnare uno stipendio lavorando per qualcun altro. La vendita di un’azienda o di alcune delle sue risorse può generare un enorme guadagno finanziario.

Per diventare così incredibilmente ricco, dicono gli esperti ironizzando, Musk non poteva aprire un’officina che convertisse le auto a gas in elettriche. Anche se avesse aperto più sedi, comunque le economie di scala sarebbero rimaste sempre un problema.

Musk ha raggiunto questo risultato perché ha saputo avviare un’attività di successo, in grado di crescere: è l’unico modo realistico per diventare incredibilmente ricchi. Raggiungere quel livello di successo però richiede molto tempo: non a caso Tesla è stata fondata nel 2003.

Come Musk ispira i suoi collaboratori, e a cosa si ispira lui stesso

Elon Musk fa del suo meglio per ispirare i suoi dipendenti, e impedire loro di andarsene, motivandoli ad avere successo e aiutandoli a sentirsi parte di un team più ampio.

Cosa fa di tanto speciale? Spinge i suoi dirigenti senior a trovare modi per motivare e ispirare i propri dipendenti attraverso l’altruismo. Musk suggerisce che i leader lo facciano “riducendo il ‘rumore’ e l’intrusione nel loro lavoro”.

I manager o i leader a qualsiasi livello in SpaceX per Musk ci tiene a precisare sono “lì per servire il team e aiutarlo a fare il miglior lavoro possibile per l’azienda“, e non viceversa. Si aspetta che i leader lavorino più duramente di coloro che fanno rapporto a loro e si assicurino sempre che le loro esigenze siano soddisfatte prima delle proprie, dando così l’esempio (qui vi avevano raccontato come farsi assumere da lui, dopo il caso di un social media inglese).

Quali libri legge Elon Musk

A cosa deve anche il suo successo? Ai libri. Elon Musk è un lettore affamato e onnivoro. Ogni volta che qualcuno gli chiede come ha imparato a costruire razzi, risponde: “Leggo libri”.

Musk ha dichiarato che per quanto riguarda i libri di fantascienza, “penso che Isaac Asimov sia davvero eccezionale”. Gli piace la serie “Foundation”, “probabilmente una delle migliori di tutti i tempi”. Robert Heinlein, “The Moon Is a Harsh Mistress” e “Stranger in a Strange Land”, “anche se alla fine va fuori dai binari”. E poi ancora, spiega che “c’è un buon libro sulla progettazione strutturale chiamato “Strutture: o perché le cose non cadono” ( si tratta naturalmente di titoli che si trovano sul mercato americano, solo alcuni anche in Italia).

Passando alla narrativa, “Il Signore degli Anelli”, “Benjamin Franklin: An American Life” di Walter Isaacson (“Era un imprenditore”, ha detto Musk. “Ha iniziato dal nulla. Era solo un ragazzo in fuga”). “Einstein: His Life and Universe”, sempre di Isaacson, e poi “Zero to One: Notes on Startups, or How to Build the Future di Peter Thiel” di Farnam Streeters, “una lettura obbligatoria”, “Superintelligence: Paths, Dangers, Strategies” di Nick Bostrom (“Dobbiamo stare molto attenti con l’IA. Potenzialmente più pericoloso delle armi nucleari”), “Howard Hughes: His Life and Madness” di Donald L. Barlett e James B. Steele. Ma anche “The Hitchhiker’s Guide to the Galaxy” di Douglas Adams e infine, “Ignition!: Una storia informale di propellenti liquidi per razzi” di John D. Clark.

Elon Musk, i segreti del suo successo

Ma chi lo ha ispirato? La sua passione per la fisica è stata ispirata dalle conferenze e dai libri di Richard Feynman, famoso fisico. Mentre frequentava l’Università della Pennsylvania, ha conseguito una doppia specializzazione in Fisica e in Economia alla Wharton School. Sebbene la sua formazione aziendale fosse eccellente, il papà di Tesla ha ammesso che preferiva decisamente la fisica.

Da adolescente, Elon sapeva di voler lavorare in settori che avessero a che fare con Internet, l’esplorazione dello spazio e l’energia pulita. Ha iniziato a lavorare come imprenditore con Internet subito dopo essersi laureato al college.

Due delle sue prime iniziative sono state Zip2, società di hosting di siti web commerciali, e PayPal, il più famoso metodo online per inviare e ricevere denaro. Dopo averli avviati, li ha venduti. Perché voleva ancora creare una tecnologia affidabile e conveniente: ha utilizzato i soldi della vendita per esplorare i suoi altri interessi reali, lo spazio e le auto.

SpaceX ha portato progressi significativi nel trasportare cose e persone nello spazio. SpaceX è innovativo perché abbassa il costo dell’esplorazione spaziale, mentre attira maggiormente l’attenzione sul potenziale guadagno delle compagnie spaziali. I contratti di SpaceX con la NASA valgono milioni di dollari.

Elon ha usato la sua conoscenza e passione per la fisica e le sue conoscenze aziendali per gestire bene l’azienda. Non solo gestisce le questioni aziendali della società, ma agisce come ingegnere capo per molti dei progetti chiave dell’azienda, e costruisce e progetta anche molti dei razzi e delle navicelle spaziali.

Inizialmente, molte persone dubitavano che SpaceX avrebbe avuto successo e molti critici erano pronti a concentrarsi su ogni errore dell’azienda, ma Elon ha dimostrato che esiste un segmento di mercato per l’esplorazione spaziale commerciale e che la sua azienda può competere con colossi quali Lockheed Martin e Boeing.

Nel frattempo, non ha mai abbandonato il suo interesse per l’energia pulita. Ha avviato Tesla Motors, azienda di auto elettriche. Anche qui si occupa della supervisione del design del prodotto di tutti i veicoli dall’inizio alla fine. Le auto di Tesla Motors non sono solo rispettose dell’ambiente, ma sono progettate con il fascino delle auto sportive. Insomma, è riuscito davvero a trasformare i suoi sogni in realtà.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Elon Musk, dai sogni al patrimonio stellare: come ha fatto a diventare...