Requisiti per diventare agente immobiliare

Scopri come diventare agente immobiliare e quali sono i requisiti per svolgere questo mestiere

Foto di Claudio Garau

Claudio Garau

Editor esperto in materie giuridiche

Laureato in Giurisprudenza, con esperienza legale, ora redattore web per giornali online. Ha una passione per la scrittura e la tecnologia, con un focus particolare sull'informazione giuridica.

Se vuoi intraprendere una carriera nel campo immobiliare, hai interesse a lavorare a stretto contatto con il pubblico e coltivi l’ambizione di crescere professionalmente grazie alle tue doti e capacità, allora ti potrà interessare questo articolo su come diventare agente immobiliare.

Si tratta di una professione ‘evergreen’ e che implica di assumere un ruolo fondamentale nella compravendita delle abitazioni e, proprio per questo, chi svolge questa attività deve avere una serie di competenze specifiche e una preparazione adeguata.

Ecco quali sono i requisiti per diventare agente immobiliare nella nostra guida pratica.

Chi è l’agente immobiliare

Chi vuole diventare agente immobiliare deve comprendere bene il ruolo di questo professionista, per rendersi conto – da subito – se davvero si tratta del contesto professionale più adatto al proprio profilo.

Si tratta, infatti, di una figura che funge a tutti gli effetti da mediatore e, conseguentemente, chi svolge questo lavoro deve possedere doti di self-control, cortesia ed empatia – oltre che ovviamente una approfondita conoscenza del mercato immobiliare locale.

Ecco perché il percorso per arrivare a svolgere l’attività di professionista immobiliare, richiede una serie di requisiti di carattere personale, morale e professionale, oltre a varie conoscenze e competenze.

Cosa fa un agente immobiliare

Prima di scoprire come si diventa agente immobiliare, vediamo cosa fa un agente immobiliare, quali sono i suoi compiti e le sue mansioni.

Ebbene, questo professionista si occupa della vendita o dell’affitto di immobili, che possono essere abitazioni private, ma anche immobili di tipo industriale. Egli è chiamato a trovare un accordo tra chi vende o affitta un immobile e i potenziali acquirenti. E proprio in ciò che dovranno emergere le doti di dialettica e mediazione, determinanti a concludere positivamente la trattativa.

Gli agenti danno consulenze ai loro clienti su vari aspetti della vendita o della locazione di un immobile. Tra gli altri, abbiamo ad es. la valutazione del prezzo, eventuali questioni legali, le visite agli appartamenti, le opzioni finanziarie, le strategie di negoziazione.

Come diventare agente immobiliare: ecco i requisiti

Per diventare agente immobiliare servono alcuni requisiti, vediamoli di seguito:

  • possesso di un diploma di scuola superiore
  • frequenza ad un corso di formazione professionale obbligatorio
  • superamento del relativo esame scritto e orale presso la Camera di Commercio che permette di conseguire il patentino da agente immobiliare, fondamentale per esercitare la professione
  • liscrizione al registro delle imprese o al repertorio delle notizie economiche e amministrative (REA), presso la Camera di Commercio
  • possedere l’assicurazione professionale per agenti immobiliari contro i rischi professionali ed errori causati dall’esercizio di quest’attività

Per diventare agente immobiliare, occorre avere anche dei requisiti personali, vale a dire:

  • aver compiuto la maggiore età
  • essere cittadini italiani o europei o comunque avere la residenza in Italia
  • godere dei diritti civili
  • risiedere nella provincia della Camera di Commercio in cui si chiede l’iscrizione

Infine, per poter diventare agente immobiliare, bisogna avere anche i seguenti requisiti morali:

  • non essere interdetto, inabilitato, fallito, condannato per delitti contro la Pubblica Amministrazione, l’economia pubblica, l’industria e il commercio, ovvero per i delitti di omicidio volontario, furto, rapina, estorsione, truffa, appropriazione indebita, ricettazione e per ogni altro reato per il quale la legge commini la pena della reclusione non inferiore nel minimo a due anni e nel massimo a cinque anni
  • non essere stato sottoposto a normative antimafia
  • non essere assoggettato a sanzioni amministrative accessorie di cui all’art. 5 della legge 507/1999

Oltre a ciò sarà opportuno munirsi di un CV aggiornato (redatto seguendo i nostri consigli).

Cosa fare per diventare agente immobiliare

Sopra abbiamo spiegato, in sintesi, quali sono gli step da effettuare per lavorare come agenti immobiliari, ma quindi – di fatto – cosa occorre per assumere questa qualifica?

Ricapitolando, per diventare un professionista della compravendita immobiliare, bisognerà assolutamente frequentare un corso di abilitazione e conseguire un apposito patentino d’agente di Affari in Mediazione che viene rilasciato dalla Camera di Commercio. Questo sarà lo step più importante che, una volta superato, aprirà le porte a questo lavoro.

Gli interessati potranno dunque visitare il sito web della locale Camera di Commercio o recarsi sul posto, per ricevere tutte le informazioni di dettaglio. Una volta diventati agenti immobiliari, sarà opportuno aprire quanto prima la partita Iva – anche se le agenzie immobiliari solitamente non la richiedono subito ai nuovi arrivati.

Cosa studiare per diventare agente immobiliare

Come abbiamo accennato nel paragrafo precedente, il corso da agente immobiliare – mirato all’acquisizione del patentino – prevede il superamento di un esame composto da prove scritte e orali.

Quindi il futuro agente immobiliare deve dimostrare di avere conoscenze chiave, per svolgere al meglio la professione.

Ecco, dunque, cosa studiare per diventare agente immobiliare:

  • diritto civile, tributario e urbanistico
  • tasse, finanziamenti e mutui
  • nozioni di marketing e negoziazione

Per esempio occorrerà prepararsi sulle varie tipologie di contratto rilevanti in ambito immobiliare, sull’ipoteca e sugli adempimenti fiscali previsti.

Quanto guadagna un agente immobiliare

Concludiamo il nostro articolo parlando di quanto guadagna un agente immobiliare. Infatti tutti gli interessati al lavoro in oggetto, si staranno chiedendo delle cifre che si possono incassare mensilmente.

I guadagni di un agente immobiliare di solito sono costituiti da:

  • una parte fissa, che viene riconosciuta per l’azienda per cui si lavora indipendentemente dal raggiungimento degli obiettivi
  • una parte variabile, che deriva dalle cd. provvigioni, pagate per ogni singola operazione di affitto o compravendita conclusa

Da rimarcare che ogni cifra che può essere assai variabile, in quanto le percentuali di provvigioni cambiano notevolmente a seconda dell’area geografica, della singola agenzia in cui si lavora, dagli accordi che si prendono con i clienti e così via. Potenzialmente, però, i guadagni di un agente immobiliare possono essere molto alti.

Infatti, grazie alla presenza delle provvigioni, lo stipendio di un agente immobiliare può variare ed arrivare anche a 2.000 euro al mese, se è in grado di concludere molte trattative e distinguersi per capacità. In media un agente immobiliare può guadagnare mediamente sui 1.400-1.500 euro lordi al mese, una cifra che può essere più alta per professionisti con più anni di esperienza.

Se vuoi costruirti una carriera nel settore immobiliare, grazie al nostro articolo su come diventare agente immobiliare, ora conosci tutto ciò che è importante sapere su questa professione e come intraprenderla al meglio. Mentre per le previsioni sul mercato immobiliare, puoi approfondire qui.