Danni ambientali, in aiuto delle aziende arrivano i Punti Sicurezza di Airbank: cosa sono e come funzionano

In caso di incidenti ambientali, il fattore tempo è assolutamente essenziale per le imprese. Ecco cosa fare e come intervenire

Incendi, esplosioni, contaminazioni del suolo, emissioni di inquinanti in atmosfera, scarichi idrici fuori norma… sono tantissimi, purtroppo, i potenziali danni ambientali associati al rischio azienda. Eppure il nostro Paese, da sempre, sconta una gravissima mancanza in quanto a prevenzione.

Per moltissime imprese produrre di più equivale a chiudere un occhio sulla sicurezza. Oggi l’Italia è uno dei Paesi europei con le normative ambientali più severe, ma è anche quello in cui mancano di più regole e leggi sulla prevenzione. Generando un folle cortocircuito, per cui spesso le aziende si trovano totalmente disarmate ad affrontare e gestire i danni provocati all’ambiente.

In caso di incidenti ambientali, come la storia dimostra, il fattore tempo è assolutamente essenziale per evitare che si inneschi una vera e propria catastrofe ambientale.

Airbank supporta le imprese in caso di danni ambientali

Da questa consapevolezza nasce un nuovo grande progetto di Airbank, azienda leader in Italia nel settore dell’antinquinamento e della sicurezza ambientale, in prima linea sui temi della ricerca, dell’innovazione tecnologica e della qualità con l’unico obiettivo di produrre articoli in grado di elevare gli standard qualitativi del lavoro umano.

“La nostra esperienza ventennale ci ha insegnato che spesso è proprio il tempo il vero nemico nella lotta contro i danni ambientali e che l’intervento tempestivo è fondamentale per arginare situazioni pericolose e dannose”, spiega Gloria Mazzoni, Presidente e Amministratore Delegato di Airbank.

Airbank ha creato dei presidi di aiuto, che ha voluto chiamare Punti Sicurezza, punti di riferimento a livello locale e distribuiti su tutto il territorio nazionale nati proprio per supportare le aziende in caso di emergenze ambientali, per intervenire con tempestività e arginare situazioni potenzialmente pericolose, sia per l’uomo che per l’ambiente.

“Airbank è da sempre al fianco delle aziende nella gestione della sicurezza ambientale e i nuovi Punti Sicurezza vogliono essere un ulteriore supporto, un modo per rendere più sostenibile il rischio nella produzione, movimentazione e gestione delle sostanze potenzialmente pericolose per l’uomo e per l’ambiente” precisa Mazzoni.

Cosa sono i Punti Sicurezza e come funzionano

Al momento disponibili in 19 province italiane, garantiscono assistenza, supporto e fornitura di prodotti in caso di sversamenti di emergenza di liquidi infiammabili, agenti chimici e oli sia a terra che in acqua, fornendo così un aiuto concreto e immediato a ogni tipo di azienda presente nei territori limitrofi, ma anche a Vigili del Fuoco ed enti provinciali e comunali.

Grazie a uno stock di magazzino minimo sempre garantito sui principali prodotti per contenimento e assorbimento di sostanze inquinanti, Airbank arriva la dove le quantità ordinarie a disposizione delle singole aziende non sono sufficienti, permettendo alle diverse realtà di rifornire il magazzino fin da subito dopo un intervento.

Per supportare e guidare le aziende del territorio prima, durante e dopo le emergenze, ai prodotti si aggiunge poi la consulenza, un’offerta composta da video tutorial, servizio di check up ambientale per prevenire futuri sversamenti e guida nell’applicazione delle procedure più idonee in caso di necessità.

Contenuto offerto da Airbank

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Danni ambientali, in aiuto delle aziende arrivano i Punti Sicurezza di...