Condono mini-cartelle, è caos: stralcio anche sopra i 1.000 euro?

Ci sono dubbi sullo stralcio dei debiti fino a 1.000 euro: nel calcolo degli importi rientrano anche sanzioni e interessi o soltanto la quota capitale?

Condono cartelle, è caos sullo stralcio dei debiti fino a 1.000 euro. Ci sono infatti dubbi sullo stralcio dei debiti fino a 1.000 euro: nel calcolo degli importi rientrano anche sanzioni e interessi o soltanto la quota capitale? Le opinioni divergono, tra chi sostiene che il calcolo del limite di 1.000 euro debba esser considerato al netto di sanzioni e interessi e chi, invece, pensa al contrario.

La rottamazione-ter prevede l’annullamento delle cartelle esattoriali sotto i 1.000 euro, se emesse nel periodo che va dal 2000 al 2010. Multe non pagate, così come il bollo dell’auto o anche Imu e Tasi, se inferiori a questa cifra saranno un lontano ricordo per il debitore il quale non dovrà far nulla per ottenere lo stralcio delle cartelle visto che questo sarà automatico.

Bisogna capire però cosa si intende per importi inferiori ai 1.000 euro: è la cartella che deve avere un importo inferiore a questa cifra oppure la sola quota capitale del debito? Il dubbio è lecito e nasce da come è scritto l’articolo 4 del testo del decreto fiscale. Qui si legge che i debiti di importo residuo i 1.000 euro, “comprensivi di capitale, interessi per ritardata iscrizione a ruolo e sanzioni risultanti dai singoli carichi affidati […]” sono annullati. Non viene fatta chiarezza però su concetto di “debiti inferiori a 1.000€” ossia se per quantificarli si debba tener conto della sola quota capitale o anche di eventuali interessi.

L’articolo 4, quindi, lascia spazio all’interpretazione; la maggior parte degli esperti, però, ritiene che il legislatore abbia voluto intendere la sola quota capitale del debito, quindi al netto di eventuali interessi e sanzioni. Se così fosse ad essere stralciate sarebbero anche le cartelle esattoriali di importo superiore ai 1.000€, purché la quota del debito originario non sia stata superiore al suddetto limite.

Ad oggi però non è da escludere anche la seconda interpretazione, ovvero che nei 1.000€ dell’importo residuo da non superare per beneficiare dello stralcio della cartella si debba tener conto anche di sanzioni e interessi.

In collaborazione con Adnkronos 

Leggi anche:
Condono fiscale: vale anche per Imu, Tasi e Tari
Condono fiscale: dallo stralcio ai grandi evasori, le novità del decreto
Condono, in arrivo super sconto sulle cartelle 
Condono o pace fiscale: chi ci guadagna di più 

 

Condono mini-cartelle, è caos: stralcio anche sopra i 1.000 euro...