730, come fare la dichiarazione congiunta

La dichiarazione dei redditi congiunta con modello 730/2018 può essere effettuata sia da coniugi che da persone unite civilmente

Il 730 precompilato congiunto 2018 è la possibilità per i coniugi o dai cittadini uniti civilmente di presentare un‘unica dichiarazione dei redditi se possiedono determinati requisiti reddituali e se almeno uno dei due, possiede i requisiti per presentare il 730.

Tale opzione, con l’introduzione del nuovo 730 precompilato, è prevista sia per i coniugi che si rivolgono al Caf o intermediari autorizzati, o al sostituto di imposta, per cui datore di lavoro o ente pensionistico, sia per chi presenta il 730 precompilato congiunto da solo, utilizzando la modalità telematica.

QUANDO SI PUO’ UTILIZZARE – Quando entrambi i coniugi/uniti civilmente possiedono tipologie di redditi che possono essere dichiarate nel modello 730 (redditi di lavoro dipendente e redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente, redditi dei terreni e dei fabbricati; redditi di capitale; redditi per prestazioni di lavoro autonomo non esercitate abitualmente; redditi diversi, ad esempio redditi di terreni e fabbricati situati all’estero; alcuni dei redditi assoggettabili a tassazione separata, indicati nella sezione II del quadro D).
Quando almeno uno dei due coniugi/uniti civilmente ha un sostituto di imposta al momento della presentazione del modello.

QUANDO NON SI PUO’ UTILIZZARE – Non è possibile presentare la dichiarazione dei redditi congiunta quando:

  • si presenta la denuncia dei redditi per conto di persone incapaci e minori;
  • in caso di decesso del coniuge avvenuto prima della presentazione della dichiarazione dei redditi;
  • se si sceglie di presentare il modello Unico persone fisiche.

VANTAGGI 730 CONGIUNTO – I vantaggi della dichiarazione congiunta da presentare attraverso il modello 730 congiunto, consistono in:

  • possibilità per il coniuge o l’unito che non ha un sostituto di imposta, di avvalersi del datore di lavoro o ente pensionistico dell’altro coniuge per scaricare spese mediche o altre spese detraibili o deducibili dalla dichiarazione dei redditi, recuperando quindi eventuali rimborsi di imposte a credito o di pagare le imposte a debito direttamente sulla busta paga del proprio coniuge;
  • minori costi 730 Caf o intermediari: in quanto viene elaborato un solo modello e non due;
  • la dichiarazione congiunta è ammessa sia in comunione di beni che in separazione dei beni;
  • la dichiarazione congiunta comporta l’elaborazione di un solo modello 730 per entrambi i coniugi o gli uniti, ma i redditi dichiarati non si sommano ma restano ben distinti dal momento che il calcolo delle imposte viene eseguito comunque sul reddito personale di entrambi i coniugi.


COME FARE LA DICHIARAZIONE CONGIUNTA – 
Per fare la dichiarazione dei redditi congiunta, il coniuge che ha come sostituto d’imposta il soggetto che si occuperà del credito/debito della dichiarazione deve segnare i box “Dichiarante” e “Dichiarazione congiunta”. L’altro contribuente nel proprio modello 730 barrerà la casella “Coniuge dichiarante”.

Leggi anche:
730/2018: precompilata online. Le novità
730, rimborsi agli italiani per 9,5 miliardi
La pressione fiscale in Italia è oltre il 42%. I numeri
Studi di settore addio: in Gazzetta Ufficiale i primi ISA

730, come fare la dichiarazione congiunta