Pensioni a rischio, il Mes porterà dei tagli?

Se l'Italia dovesse ricorrere al fondo salvastati, il sistema pensionistico potrebbe subire scossoni non indifferenti

Il MES fa paura. Nonostante le rassicurazioni del Premier Conte, infatti, molti italiani temono che alla fine il nostro Paese sarà costretto a far ricorso al fondo salvastati dell’Unione Europea, aprendo così le porte alla famigerata Troika. La preoccupazione è che ciò comporterà tagli allo stato sociale (sanità inclusa), riforma del mercato del lavoro e riforma del sistema pensionistico.

In particolare, alcuni analisti sostengono che un ricorso al Meccanismo Europeo di Stabilità possa portare a una netta sforbiciata agli assegni dei pensionati italiani e rendere ancora più difficoltoso l’accesso alla pensione per le generazioni future. D’altronde, quello che è accaduto in Grecia dopo l’adesione al MES è emblematico: non solo la Troika ha preteso e ottenuto una riforma dell’accesso al mondo pensionistico, ma ha anche ridotto l’assegno di chi era già andato in pensione. Il timore che lo stesso scenario possa ripetersi anche nel nostro Paese è molto forte, anche se il Premier Conte e il ministro Gualtieri giurano che l’adesione al fondo salvastati non è nei piani del Governo.

Condizionalità MES, cosa è successo in Grecia

Il ricorso al Meccanismo Europeo di Stabilità “in stile Grecia” porta con sé alcune condizionalità. Ossia, l’utilizzo dei fondi del MES è soggetto al rispetto di determinate condizioni dettate dai rappresentanti della Commissione Europea, del Fondo Monetario Internazionale e della Banca Centrale Europea (ossia, le tre anime della cosiddetta Troika). Le condizionalità del MES sono discusse di volta in volta con il Paese debitore ma, nella gran parte dei casi, riguardano tagli alla spesa pubblica, con interventi piuttosto marcati sulla spesa sociale e pensionistica.

In Grecia, ad esempio, la Troika ha preteso un taglio del 20% di tutti gli assegni pensionistici superiori ai 1.200 euro mensili, cancellazione della tredicesima mensilità (anche per i dipendenti statali) e una sforbiciata agli assegni di tutti coloro che sono andati in pensione prima dei 55 anni.

MES, cosa potrebbe succedere alle pensioni degli italiani

Capire cosa potrebbe accadere alle pensioni italiane, dunque, è ancora troppo presto. In caso di eventuale accesso al MES le condizionalità dovrebbero essere discusse in fase di trattativa con la Troika. Possibile ipotizzare, però, che potrebbe esserci un inasprimento sul fronte dell’accesso alla pensione: Quota 100 potrebbe essere la prima a cadere sotto la scure del MES, mentre le varie riforme del sistema pensionistico avanzate in questi ultimi mesi (Quota 101, Quota 102 e simili) potrebbero presto sparire dall’orizzonte.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Pensioni a rischio, il Mes porterà dei tagli?