Pensioni, post Quota 100: scontro Lega-PD

Letta boccia il sistema delle Quote, Governo cerca sintesi

Si alza l’asticella della tensione nella maggioranza sul dossier pensioni con il cantiere della manovra che dovrebbe chiudersi giovedì, quando potrebbe essere convocato il Consiglio dei Ministri per l’approvazione della Legge di Bilancio. Prossime ore serviranno a trovare, con la maggioranza e con le parti sociali, una intesa (che resta difficile) sui tanti nodi ancora da sciogliere, su tutti il meccanismo per superare Quota 100, ai saluti alla fine dell’anno.

Pensioni, Post Quota 100: scontro Lega- Pd

Il Governo, come noto, ha fissato i suoi paletti con il Documento programmatico di bilancio (Dpb) già inviato a Bruxelles: per ciascun capitolo della manovra sono state definite le grandi cifre e non si stravolgerà quell’impianto.

Ma la tensione in maggioranza si alza su come usare i fondi. Con una complicazione in più: Enrico Letta dice no al sistema delle Quote che è invece fortemente voluto dalla Lega e chiede di intervenire con un meccanismo flessibile, in particolare per lavori gravosi e donne. “Il problema di fondo – ha detto a Che tempo che fa – è che è sbagliato il metodo della Quota. Quota 100 è stato un errore: chi ne ha usufruito ha avuto un vantaggio ed è contento ma per l’80% sono uomini, è uno strumento diseguale che discrimina le donne. Secondo me più che il tema della Quota, le due cose da fare sono flessibilità a seconda dei lavori gravosi e poi dare un messaggio importante alle donne con Opzione donna”. “Combatteremo perché in legge di bilancio il punto essenziale siano le donne e i giovani”.

 

Governo cerca la sintesi

L’esecutivo, intanto, respinge la proposta di Matteo Salvini di applicare Quota 102 per due anni, perché creerebbe uno scalone. Al vaglio un meccanismo con età fissa di uscita a 64 anni fino al 2024 e contributi crescenti. Idea che potrebbe piacere di più ai Dem ma non convincerebbe ancora i leghisti, che però dicono di voler trattare e lanciano le loro contro-proposte.

La posizione dei Sindacati

Un tavolo con i sindacati, che hanno già bocciato senza se e senza ma la proposta del Governo sulle pensioni, definendola “una presa in gira” e una riunione della cabina di regia dovrebbero precedere l’approdo della manovra in CdM. Ad ora non risultano convocazioni, giovedì è la data più plausibile, anche perché da venerdì il Premier è impegnato nel G20. Matteo Salvini, che con Silvio Berlusconi riunirà i ministri di Lega e Fi sulla manovra, si dice pronto a incontrare Draghi per affrontare i temi aperti. Un colloquio, secondo fonti parlamentari, potrebbe essere in agenda anche con il leader M5s Giuseppe Conte, che preme per la proroga (ad oggi non all’ordinel del giorno) del suo cashback.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Pensioni, post Quota 100: scontro Lega-PD