Come lanciare una petizione online su Change.org

Le petizioni online apportano notevoli cambiamenti: vediamo come funzionano

Con le petizioni online si possono lanciare appelli e raccogliere consensi apponendo una firma per il raggiungimento della causa. Change.org permette di lanciare petizioni online e di connettersi con molte persone. E’ sufficiente aprire gratis una pagina e diffondere la richiesta che generalmente viene rivolta ad un ente pubblico oppure al governo.

Lanciare petizioni online su Charge.org è molto semplice. Si va sul sito “www.charge.org” e si clicca sulla voce “lancia una petizione”. Risulta di estrema importanza dare subito un titolo alla petizione. Bisogna prestare attenzione perché in poche parole occorre focalizzare il cambiamento di cui si cerca il sostegno. La frase deve essere breve ed efficace, ma soprattutto deve attirare l’attenzione.

In soccorso della raccolta firme scendono in campo molti strumenti, ma le petizioni online vanno consegnate di persona. Nel form occorre inserire l’indirizzo elettronico del destinatario della petizione, così ogni volta che la richiesta è firmata, sarà avvisato con un’email. Si prosegue con lo spiegare nel dettaglio il problema che si vorrebbe risolvere.

Una volta lanciata la petizione online bisogna reclutare sostenitori che mettano la firma. Le comunità in rete aiutano a promuovere le petizioni online attraverso i social network. Una volta che la petizione compare sul sito, si può direttamente condividerla su Facebook, inviare un messaggio o inviare un’email ad amici.

Se le petizioni online catturano l’attenzione dell’opinione pubblica, migliaia di messaggi di posta elettronica arriveranno al decisore. Occorrono 50 mila firme per sperare nella realizzazione di un disegno di legge, se la petizione non vince immediatamente è necessario dare più visibilità alla richiesta di cambiamento con conferenze stampa, telefonate, fino alla partecipazione in un programma televisivo.

Immagini: Depositphotos

Come lanciare una petizione online su Change.org