I materiali fashion sostenibili che possono aiutare a salvare il pianeta

Materiali come il Piñatex e le innovazioni come la Biomimicry mostrano che ci sono alternative sostenibili ai tessuti tradizionali della moda

Foto di Alessandro Mariani

Alessandro Mariani

Giornalista green

Nato a Spoleto, dopo una laurea in Storia e una parentesi in Germania, si è stabilito a Milano. Ha avuto esperienze in radio e in TV locali e Nazionali. Racconta la società, con un focus sulle tematiche ambientali.

La moda sostenibile è una priorità per chi è consapevole dell’impatto ambientale dell’industria dell’abbigliamento. Dalla fast fashion alla coltivazione del cotone, la lista delle pratiche che danneggiano l’ambiente è lunga. Tuttavia, è possibile trovare tessuti e abbigliamento più sostenibili, oltre a riciclare e riparare i capi esistenti. Ecco alcuni materiali e stoffe che potrebbero aiutare nella guida verso uno stile di vita più sostenibile.

La “pelle” sostenibile dell’ananas

I “pellami” o tessuti di piante o frutta, fatti di materiali di scarto, stanno iniziando a guadagnare terreno nel mondo della moda. Il Piñatex, ad esempio, è un materiale fatto dalle foglie di ananas coltivate nelle Filippine. La sua produzione è molto più sostenibile della pelle tradizionale e non prevede, ovviamente, lo sfruttamento di animali.

Richiede meno acqua e non utilizza sostanze chimiche nocive, che sono ecologicamente tossiche per la fauna selvatica. I residui delle foglie vengono riciclati e utilizzati come fertilizzante o biomassa. Attualmente, il materiale viene utilizzato per la tappezzeria nella prima suite vegana di un hotel a Londra.

Quando l’osservazione della natura aiuta la sostenibilità, l’esempio dei calamari

La Biomimicry, cioè l’osservazione della natura per trarne ispirazione, sta aumentando in molti campi, come l’ingegneria, l’architettura e la medicina. Ora i produttori di tessuti e i designer di moda stanno trovando modi per incorporare o imitare i processi naturali nel loro lavoro. I processi naturali spesso richiedono meno energia per ottenere risultati. Ad esempio, ci sono solo circa cinque polimeri, o lunghe catene di molecole, comunemente usati nel mondo naturale, mentre nel nostro mondo commerciale ne abbiamo prodotto più di 350.

Recentemente, gli scienziati della Pennsylvania State University hanno scoperto che una proteina dei denti a forma di anello del calamaro, nelle ventose dei suoi tentacoli, può essere ingegnerizzata in laboratorio per avere un uso più ampio. Ad esempio, rivestendo una fibra con la proteina, la rende molto più resistente. La proteina ha anche proprietà di auto-guarigione. Potrebbe essere utilizzata per creare indumenti che sono riciclabili, biodegradabili e durano più a lungo.

La lana e gli altri materiali naturali sostenibili

Una delle fibre più utilizzate nella produzione di abbigliamento è la lana. Non tutti i produttori che la producono rispettano gli standard di benessere animale, molte organizzazioni animaliste, sostengono che la lana non sia etica. Nonostante ciò, la lana è una fibra sostenibile, rinnovabile, durevole e biodegradabile. Inoltre, alcuni allevatori di pecore producono lana utilizzando tecniche che catturano il carbonio dall’atmosfera per ridurre l’impatto ambientale. La resistenza e la resilienza del tessuto – è resistente al fuoco e repellente all’acqua – significa che dura a lungo, riducendo la necessità di sostituzioni.

Un’altra fibra naturale che è molto amata nella moda è il lino. Questo materiale è stato utilizzato da culture antiche come gli Egizi per la sua durata e la sua capacità di mantenere fresca la persona e di assorbire l’acqua. Oggi, quando viene coltivato in aree geograficamente adatte, come l’Europa (quasi tre quarti del lino sono coltivati ​​nell’UE), non c’è bisogno di pesticidi o fertilizzanti ed è necessaria molta meno acqua rispetto al cotone ed è buono per la salute del suolo. Il materiale stesso è resistente all’usura e non ha bisogno di essere sostituito per anni, inoltre si asciuga più velocemente rispetto al cotone e ad altre fibre.

Anche il cotone può essere sostenibile

La coltivazione del cotone richiede un uso intensivo di pesticidi e sostanze chimiche, nonché di litri di acqua per produrre un solo capo d’abbigliamento. Tuttavia, ci sono modi più sostenibili per produrre il tessuto, che tengono conto dell’ambiente più ampio e degli habitat della natura.

Un  modo per sapere quale impatto ha già avuto la propria maglietta è tenere d’occhio i rivenditori che utilizzano cotone biologico certificato con l’etichetta GOTS (Global Organic Textile Standard). Ciò significa che il processo di produzione non utilizza fertilizzanti o pesticidi tossici dannosi per il nostro ambiente, compresi i lavoratori. Il cotone sostenibile è un’alternativa al cotone convenzionale, essendo prodotto utilizzando tecniche che prendono in considerazione l’ambiente, la salute del suolo e dei lavoratori. Una delle organizzazioni più importanti nel mondo del cotone sostenibile è la Better Cotton Initiative (BCI). Fondata nel 2005, la BCI è un’organizzazione senza scopo di lucro che lavora con produttori di cotone, esperti del settore e altri partner per promuovere la coltivazione del cotone sostenibile in tutto il mondo.

 

La Better Cotton Initiative certifica il cotone sostenibile

In Italia, molte aziende hanno aderito alla BCI per garantire che il cotone che utilizzano nei loro prodotti sia sostenibile. La BCI promuove la coltivazione del cotone sostenibile attraverso la formazione e l’istruzione dei produttori. Aiuta anche i produttori a sviluppare tecniche che riducono l’uso di pesticidi e prodotti chimici, aumentano la resa delle colture e migliorano la salute del suolo. Inoltre, la BCI lavora con i produttori per garantire che i lavoratori ricevano salari equi e che siano trattati con rispetto e dignità. Per le aziende che utilizzano il cotone sostenibile, aderire alla BCI significa essere in grado di dimostrare ai propri clienti l’impegno verso la sostenibilità e la responsabilità sociale. Vuol dire anche essere parte di una rete globale di produttori, esperti e altri partner che lavorano insieme per promuovere il cotone sostenibile.

Ma cosa significa esattamente “cotone sostenibile”? In primo luogo, significa che il cotone è stato coltivato utilizzando tecniche che rispettano l’ambiente e la salute del suolo. Ciò include l’uso di tecniche di coltivazione biologica e di tecniche che riducono l’uso di pesticidi e prodotti chimici. In secondo luogo, significa che il cotone è stato prodotto rispettando i diritti dei lavoratori e garantendo salari equi e un ambiente di lavoro sicuro. L’adesione alla BCI non garantisce che tutto il cotone utilizzato da un’azienda sia sostenibile, ma significa che l’azienda si impegna a lavorare con fornitori che rispettano gli standard BCI.

La settimana della moda è l’evento più importante dell’anno per tutti gli appassionati di moda e non solo. In questo contesto, ciò che si indossa è di fondamentale importanza, non solo per il proprio stile personale, ma anche per l’impatto che il proprio abbigliamento ha sull’ambiente e sul benessere degli animali. Può essere anche un’opportunità per riflettere sui nostri modelli di consumo e cercare soluzioni più sostenibili per l’abbigliamento e i tessuti.