DAZN, dopo i problemi arrivano i rimborsi: quanto spetta e come averli

In seguito ai disservizi verificatesi il 4 gennaio, che hanno impedito la visione di alcune partite di serie A, DAZN ha deciso di far partite gli indennizzi

DAZN rimborserà tutti i suoi utenti. Il 10 gennaio, i vertici del colosso di streaming hanno incontrato a Roma il ministro per le Imprese e il Made in Italy Adolfo Urso, quello per lo Sport Giovanni Andrea Abodi e il Presidente dell’AgCom Giacomo Lasorella, per definire la situazione relativa ai pesanti disservizi che hanno riguardato in particolare la messa in onda di due delle dieci partite disputate il 4 gennaio scorso, in primis Inter-Napoli. Presenti anche il Presidente della Lega Serie A Lorenzo Casini e l’ad della Serie A Luigi De Siervo.

“Bisogna essere onesti. Ci sono stati tre problemi diversi in un anno e mezzo, che hanno tre matrici tecniche molto diverse” ha commentato De Siervo. “La struttura ha impattato un percorso evolutivo, ma da questo punto di vista possiamo garantire che non si sono mai proposti gli stessi problemi. Chiaro è che nel percorso di digitalizzazione di un Paese, la scelta della Lega Serie A in un bando aperto al pubblico e vinto da Dazn, l’impatto in termini di audience del campionato è stato superiore all’anno precedente”.

“Abbiamo la fortuna di riuscire a fare dei bandi che sono a forte tenuta, bandi che garantiscono la Lega, l’avete visto nei contenziosi passati. Abbiamo fatto un richiamo molto severo a quelli che sono gli obblighi contrattuali, evidentemente a tutela della Lega. Come ha detto il presidente Casini, siamo parte danneggiata in questa questione, e abbiamo richiamato Dazn a quelli che sono i doveri”.

Qui i nuovi prezzi degli abbonamenti DAZN per il 2023.

Cosa cambia per DAZN Italia

Durante l’incontro, DAZN ha voluto sottolineare che il disservizio che ha causato non pochi disagi ai tantissimi abbonati è stato causato in realtà da un partner globale esterno, incaricato di gestire la distribuzione del traffico sui server. I problemi fortunatamente sono stati molto più limitati rispetto alla scorsa estate, grazie a un intervento immediato che ha consentito di ripristinare rapidamente il servizio.

Per poter offrire un servizio migliore, il Gruppo DAZN ha annunciato una modifica dell’attuale assetto organizzativo con la creazione di un Network Operation Center (NOC) in Italia.

Questa nuova unità, dedicata specificamente all’infrastruttura tecnologica e alla rete italiana, di fatto trasferirà al team locale la responsabilità del monitoraggio della qualità del servizio e dell’instradamento del traffico dei clienti, agevolando la diffusione dei contenuti in streaming.

Ora su DAZN si possono usare più dispositivi in contemporanea 

Rimborsi DAZN: quando e come arrivano

Posto che DAZN sta lavorando da mesi a tutta una serie di ottimizzazioni organizzative grazie a nuovi investimenti sul piatto, su richiesta di tutte le istituzioni presenti all’incontro ha assicurato che farà partire i rimborsi per tutti gli abbonati in maniera automatica.

Ciò significa che non sarà necessario per gli utenti fare nessuna richiesta particolare: il rimborso arriverà direttamente e automaticamente e un quarto del costo dell’abbonamento mensile.

L’indennizzo avverrà attraverso accredito dell’importo secondo le modalità di pagamento prescelte da ciascun cliente, oppure in alternativa attraverso il rilascio di uno specifico voucher. Ciascun utente interessato riceverà comunicazione con conferma del rimborso all’indirizzo mail associato al proprio account.

La procedura di rimborso sarà attivata già a partire da questa settimana e sarà completata entro l’inizio di febbraio.

DAZN si può guardare su mobile, smartphone e tablet, su smart tv, computer e console: l’elenco completo dei dispositivi che supportano DAZN lo trovate qui. Le offerte Dazn le potete trovare cliccando qui, usufruendo di sconti e promozioni che regolarmente vengono messi a disposizione.