Gelato e würstel ritirati dai supermercati: i lotti segnalati

Richiamo per rischio chimico da parte del ministero della Salute, a essere segnalati sono stati dei lotti di gelato e würstel venduti in diversi supermercati

Venerdì 19 agosto è stato pubblicato un richiamo da parte del ministero della Salute che ha interessato diversi lotti di gelato e würstel venduti nei supermercati italiani.

Gelato alla vaniglia ritirato dal commercio per tracce di cloroetanolo: i lotti segnalati

Uno dei due richiami pubblicati sul sito del ministero riguarda il gelato a base di vaniglia HAAGEN DAZS prodotto da HAAGEN DAZS ARRAS SNS, con sede dello stabilimento in Francia. Il ritiro dai supermercati è stato conseguente alla rivelazione di tracce di cloroetanolo nelle confezioni da 460 ml:

  • Belgian choc con scadenza 18 marzo 2023 / 14 aprile 2023;
  • Macadamia 4 aprile 2023 / 8 aprile 2023 / 15 aprile 2023 / 16 aprile 2023;
  • Coockies 27 marzo 2023 / 12 aprile 2023 / 21 aprile 2023;
  • Pralines 10 aprile 2023.

È stata indicata la consegna precauzionale al punto vendita dove è avvenuto l’acquisto anche delle confezioni:

  • Macadamia 95 ml con scadenza 16 marzo 2023;
  • Belgian choc 95 ml con scadenza 8 aprile 2023;
  • Caramel attraction 4×95 ml scadenza 1 aprile 2023;
  • Duo belgian Choc&Vanilla 420 ml con scadenza 15 aprile 2023.

Il cloroetanolo è una sostanza con un alto potenziale tossico. La dose letale LD50 (ratto, orale) è 71 mg/kg di peso corporeo. Può essere assorbito tramite pelle, è irritante per gli occhi e le vie respiratorie, agisce sul sistema nervoso centrale e può causare danni al fegato e ai reni.

Würstel richiamati dai supermercati per rischio microbiologico

Non è la prima volta che un prodotto viene ritirato dal supermercato. Recentemente, per esempio, il richiamo ha coinvolto il marchio Coca Cola: qui i lotti segnalati. E, sempre nello stesso giorno, un avviso per rischio microbiologico ha interessato dei würstel venduti in Italia in cui è stata rinvenuta presenza di Listeria Monocytogenes, una specie di batteri patogeni (che causano malattie) che possono essere trovati in ambienti umidi, ma anche nel suolo, in acqua, nella vegetazione in decomposizione e negli animali. Sono pericolosi per la salute perché possono sopravvivere e persino crescere sotto refrigerazione (e altre misure tipiche per la conservazione degli alimenti) causando la listeriosi, una grave infezione che può essere fatale per le donne in gravidanza, i neonati, gli anziani e le persone con un sistema immunitario indebolito.

I würstel segnalati dal ministero della salute, in data 19 agosto 2022, sono quelli pollo e formaggio rivenduti da Eurospin Italia S.p.a.:

  • lotto di produzione 1785417;
  • marchio di identificazione dello stabilimento/del produttore IT 04 M CE;
  • nome del produttore AGRICOLA TRE VALLI Soc. Coop. (sede P.le Apollinare Veronesi 1, San Martino Buon Albergo), con data di scadenza 3 settembre 2022, peso 150 gr.

In questo caso è stato consigliato di non consumare il prodotto e riportarlo al punto vendita per la sostituzione.

Gli operatori del settore alimentare (OSA) hanno l’obbligo di informare i propri clienti sulla non conformità riscontrata negli alimenti da essi posti in commercio e a ritirare il prodotto dal mercato. In aggiunta al ritiro, qualora il prodotto fosse già stato venduto al consumatore, l’OSA deve inoltre provvedere al richiamo cioè deve informare i consumatori sui prodotti a rischio, anche mediante cartellonistica da apporre nei punti vendita, e a pubblicare il richiamo nella specifica area del portale del Ministero della Salute.

Si tratta di una procedura standard, già eseguita in passato per il caso Kinder (del maxi richiamo e dei prodotti ritirati ve ne abbiamo parlato qui) ma anche per le segnalazioni di salmonella, plastica e tossine rilevate in diversi prodotti rivenduti in Italia (qui l’elenco).